Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi: basta slogan su migranti, lavoriamo su cause profonde

colonna Sinistra
Martedì 22 dicembre 2015 - 13:51

Renzi: basta slogan su migranti, lavoriamo su cause profonde

"Nessuna invasione, Libano ospita un milione e mezzo profughi"
20151222_135104_A4A767BD

Beirut, 22 dic. (askanews) – “Smetterla con gli slogan” sull’immigrazione e “iniziare a fare le cose concrete”, in particolare su educazione e cultura. Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, nelle dichiarazioni al termine del colloquio con il primo ministro del Libano Tammam Salam nel palazzo del Gran Serraglio a Beirut, rivolto alla “minoranza di italiani che fa polemica”, ai “partiti politici che dicono siamo di fronte ad un’invasione”.

“Vorrei che pensaste ai numeri del Libano: il Libano – ha sottolineato Renzi – è quindici volte più piccolo dell’Italia, 4 milioni di abitanti contro 60. Eppure accoglie con grandi valori umani e con straordinario senso della civiltà, un milione e mezzo di rifugiati, 10 volte il numero accolto dall’Italia quest’anno. Questo dà il senso delle proporzioni. Naturalmente ciò non vuol dire che dobbiamo far finta di niente, dobbiamo lavorare di più e meglio per rimuovere alla radice il problema, cioè creare nei Paesi a rischio le condizioni per superare la crisi straordinaria che stiamo vivendo”. Investendo in particolare nell’educazione: “Se non li mandiamo a scuola alleviamo una generazione di arrabbiati, di estremisti di domani”. Per questo Renzi visiterà una scuola Unicef a Beirut che ospita anche profughi siriani e il museo nazionale di Beirut, entrambi sostenuti da contributi italiani: “La prima questione è smettere con gli slogan e iniziare a fare le cose cocnrete, quelli che Italia e Libano vogliono fare insieme nei settori che ho ricordato”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su