Header Top
Logo
Lunedì 27 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mattarella: Italia impaurita è più debole, serve unità non muri

colonna Sinistra
Sabato 5 dicembre 2015 - 14:22

Mattarella: Italia impaurita è più debole, serve unità non muri

Più accoglienza migranti. Debellare povertà, indegna Paese civile
20151205_142129_39A008AE

Roma, 5 dic. (askanews) – “Un Paese impaurito, un Paese dove si costruiscono muri, un Paese dove si allentano i legami sociali è un Paese più debole, destinato ad incontrare gravi difficoltà nel mondo globalizzato”. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo al Quirinale in occasione della cerimonia sulla Giornata mondiale del volontariato (International Volunteer Day), istituita dalle Nazioni Unite nel 1985. “Un Paese unito, un Paese solidale, un Paese dove i cittadini avvertono il senso della responsabilità sociale – ha aggiunto il capo dello Stato – è un Paese più forte, in grado di affrontare le sfide del nostro tempo”.

“In questo periodo in cui la paura aumenta, in cui cresce la tentazione di chiudersi nei propri steccati, in cui, nonostante segni positivi di ripresa, la crisi economica degli anni appena trascorsi fa ancora sentire i suoi pesanti effetti, specialmente tra le categorie più svantaggiate, è necessario rafforzare la solidarietà e la coesione di cui voi tutti siete testimoni e portatori”, ha spiegato Mattarella chiedendo “un di più di accoglienza e di disponibilità”, “senza rinuciare alla sicurezza” di fronte ai flussi migratori. Il capo dello Stato ha quindi ricordato che “la povertà assoluta colpisce in Italia 4 milioni di persone. Va debellata perché non è degna di un paese civile”.

Mattarella ha quindi elogiato “la passione, l’opera” dei volontari che “costituiscono elemento fondamentale per il bene della nostra società. Lo Stato, infatti, da solo non basta: fate parte dell’Italia migliore. Siete un esempio per tutti gli italiani e potete esserne fieri”. E li ha invitati a evitare “il rischio di vivere l’impegno sociale all’interno di una dimensione circoscritta e appartata. Costituite una grande forza, che deve essere osmotica, dialogante. Non rifuggite dall’impegno politico e civile. La vostra energia positiva, partendo dalla società, deve potersi trasmettere a tutto il Paese”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su