Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • In piazza i duemila banchetti di Renzi per dire che “il Pd c’è”

colonna Sinistra
Venerdì 4 dicembre 2015 - 19:36

In piazza i duemila banchetti di Renzi per dire che “il Pd c’è”

Anche la minoranza mobilitata sabato 5 e domenica 6 dicembre
20151204_193647_EE74113D

Roma, 4 dic. (askanews) – Alla fine i banchetti saranno il doppio di quelli annunciati, duemila invece dei mille preventivati da Matteo Renzi. Il Pd torna in piazza, sabato e domenica, per dire che “l’Italia non ha paura” e, soprattutto, per dire che “noi ci siamo”, come ha detto lo stesso segretario-premier nella newsletter inviata ai propri sostenitori. Un modo, spiega un esponente della segreteria, per rispondere a chi parla di un partito abbandonato e a quanti si lamentano che alla Leopolda non ci sarà il simbolo del Pd. Pier Luigi Bersani è uno di questi, ma l’ex segretario sarà in piazza a Piacenza, come del resto Gianni Cuperlo farà a Roma e Roberto Speranza a Potenza. La chiamata alla mobilitazione del premier coinvolge anche la minoranza, che ha anche spostato il proprio evento alla prossima settimana per partecipare ai banchetti di questo weekend.

Per strada, quindi, non ci saranno solo i renziani come Maria Elena Boschi (a Ercolano), Lorenzo Guerini (a Milano e Lodi), Debora Serracchiani (a Pordenone e Palmanova), ma anche chi di solito è polemico con il premier, come Miguel Gotor o Walter Tocci.

“Noi del Pd – ha spiegato Renzi – siamo spesso litigiosi, ma abbiamo anche tanti elementi di cui andare fieri. Noi non abbiamo padroni. Non abbiamo proprietari. Non abbiamo guru che ci spiegano che cosa fare da dietro un blog”.

Del resto, Renzi ha bisogno di mobilitare tutto il partito anche in vista della difficile tornata di amministrative del prossimo anno e non a caso già da tempo ha previsto di organizzare una rete di ‘comitati per il sì’ al referendum sulla riforma costituzionale. Domani sarà un po’ la prova generale della mobilitazione che il premier sta pensando per il 2016.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su