Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi: pensioni non si tagliano, serve fiducia

colonna Sinistra
Giovedì 5 novembre 2015 - 12:29

Renzi: pensioni non si tagliano, serve fiducia

"Spending review è nome figo per tagli"
20151105_122946_72EBAFF6

Roma, 5 nov. (askanews) – Il governo non ha tagliato le pensioni nella legge di Stabilità, perché “non mi è sembrato il momento: dobbiamo dare fiducia agli italiani”. Lo ha detto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, intervistato da Bruno Vespa nel libro “Donne di cuori” in uscita oggi.

Vespa, nell’intervista, gira al presidente del Consiglio l’accusa, da destra ai Cinque Stelle, di aver fatto una legge di Stabilità in deficit. “Ma de che?, come dicono a Roma – risponde Renzi -. Ma se è la prima ‘finanziaria’ che riduce il rapporto del debito con il prodotto interno lordo? Non abbiamo fatto la spending review? Spending è un nome figo per dire tagli. Dove? Noi paghiamo ogni anno 250 miliardi di euro di pensioni. Tagliamo lì? Io penso sia un errore. Alcuni correttivi proposti dall’Inps di Tito Boeri avevano un valore di equità: si sarebbe chiesto un contributo a chi ha avuto più di quanto versato. Non mi è sembrato il momento: dobbiamo dare fiducia agli italiani. Se metti le mani sulle pensioni di gente che prende 2000 euro al mese, non è una manovra che dà serenità e fiducia. Per carità – conclude Renzi -, magari è pure giusto a livello teorico. Ma la linea di questa legge è la fiducia, la fiducia, la fiducia. E, dunque, non si tagliano le pensioni”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su