Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Vendola: centrosinistra è morto, ora nuovo soggetto di sinistra

colonna Sinistra
Sabato 24 ottobre 2015 - 13:26

Vendola: centrosinistra è morto, ora nuovo soggetto di sinistra

"Nuovi gruppi in Parlamento, no a iniziative iperminoritarie"
20151024_132555_D8BC5966

Roma, 24 ott. (askanews) – Sel vuole partecipare alla costruzione di un “nuovo soggetto della sinistra” capace di avere “ambizione di governo” ma che non punti al “governismo”, i gruppi parlamentari che nasceranno tra qualche settimana sono un contributo a questo processo che deve “partire dal basso”. Lo ha detto Nichi Vendola, parlando all’assemblea nazionale di Sel, spiegando che “il centrosinistra è morto, lo ha ucciso Renzi”. Ha detto Vendola: “Oggi dobbiamo confermare una decisione: abbiamo la responsabilità principale di avviare un percorso virtuoso, la costruzione di un nuovo soggetto della sinistra. Il tema è mettere il convoglio di Sel sul binario vivo e non sul binario morto”.

“A me – ha aggiunto – è dispiaciuto leggere commenti che dicevano: Sel frena la nascita di un soggetto unitario, non c’è dilazione dei tempi, bisogna capire come partiamo. Altre volte siamo partiti e siamo partiti male, abbiamo sbagliato binario”. Vendola chiede “un soggetto che abbia ambizione di governo, ma non governismo: non sono la stessa cosa”.

“Tra poche settimane – ha ricordato Vendola – ci sarà la presentazione di un gruppo parlamentare nuovo, più largo. Capace prospetticamente di accogliere personalità, parlamentari, che accettino di cominciare anche dall’interno delle istituzioni un lavoro di accumulazione delle forze per il nuovo soggetto politico. Un appuntamento importante, segno di uno sforzo unitario”.

“Mi astengo da qualunque polemica nei confronti di chi tenta un’interferenza sulla vita della nostra comunità sulla base di approcci iperminoritari. Da chi sceglie una via di separazione, della costruzione di un soggetto in solitaria. L’auspicio è che continueremo a ragionare, a interloquire. Tutti abbiamo un problema, non costruire un cespuglio da aggiungere a quelli che ci sono ma costruire finalmente un luogo credibile. Se non facciamo questo, continuiamo ad essere dentro un’autoreferenzialità”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su