Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pensioni, uscita anticipata rinviata. Arriva il part-time

colonna Sinistra
Mercoledì 14 ottobre 2015 - 20:37

Pensioni, uscita anticipata rinviata. Arriva il part-time

Via la Tasi, ma mancano le coperture. Canone Rai nelle bollette
20151014_203728_979B7ACC

Roma, 14 ott. (askanews) – Arriva un primo assaggio diflessibilità già nella legge di stabilità, ma l’intervento vero e proprio di uscita anticipata dal lavoro con penalizzazioni verrà rinviato al prossimo anno. Secondo quanto si apprende in manovra dovrebbe entrare il part-time per chi è vicino alla pensione. Mal’ipotesi è ancora al vaglio dei tecnici. I lavoratori che dal2016 al 2018 maturano i requisiti per la pensione potrannoscegliere il part-time al 60-40%. I contributi verranno versatidal datore di lavoro in busta paga mentre per i contributifigurativi ci pensa lo Stato. Il lavoratore non vedrà quindiintaccata la sua pensione.
Sul capitolo pensioni dovrebbe essere ormai assodata l’ultimasalvaguardia per una platea residua di esodati, la cosiddetta’opzione donna’ e le risorse a copertura dell’effettotrascinamento delle indicizzazioni sugli assegni medio alti. Perprorogare ‘opzione donna’ e introdurre il part-time per gli over63 la dote necessaria potrebbe raggiungere i 2,5 miliardi dieuro.
Le linee guida dei disegni di legge distabilita e del bilancio dello Stato, che saranno approvatidomani nel Consiglio dei ministri, sono state illustrate al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, dal ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan.
Il perno centrale resta comunque la cancellazione delle tassesulla prima casa, su cui il governo sta puntando per ridurre ilcarico fiscale sulle famiglie e rilanciare il settoredell’edilizia. Dovrebbe saltare, invece, l’unificazione di Imu eTasi su seconde e terze case. Stessa sorte dovrebbe toccare anchealla ‘local tax’, il progetto si lavora dallo scorso anno e cheavrebbe dovuto riunire tutti i micro tributi locali.
Complessivamente il pacchetto fiscale dovrebbe valere circa 7miliardi che potrebbe salire a 10 con il taglio dell’Iresanticipato se verrà confermato e se l’effetto finanziario verràspostato al 2017 giocando sugli acconti. L’operazione sul fiscoprevede la cancellazione di di Imu-Tasi sulla prima casa, lo stopall’Imu agricola e alla tassa sugli imbullonati (misure chevalgono 5,3 miliardi) e interventi in favore delle imprese da 1,8miliardi. In particolare per le imprese arrivano isuperammortamenti sugli acquisti dei macchinari. Sempre per leaziende dovrebbe arrivare il rafforzamento del credito d’impostaper chi investe in ricerca e l’ampliamento del piano a sostegnodel Made in Italy, da affiancare al ritorno della detassazionedel salario di produttività e alle politiche per il welfareaziendale.
Sempre sul fronte lavoro verrà prorogata anche nel 2016 ladecontribuzione per le nuove assunzioni con contratti a tempoindeterminato ma con un bonus inferiore rispetto agli 8.060pevisti nel 2015. Il bonus dovrebbe essere dimezzato quindi dicirca 4.000 euro e durare 2 anni invece di 3.In sostanza, chi assume entro il 2015 beneficia di una riduzionedei contributi fino a 8.060 euro per tre anni, dall’anno prossimoil taglio sarà al massimo di 4.000 euro e si esaurirà nel 2017.
Novità anche sul canone Rai in bolletta. Il governo è fortementeorientato a inserirlo sin da subito in manovra ma restano ancoranodi da sciogliere per cui non sono esclusi cambiamentidell’ultima ora o limature durante l’iter parlamentare. Spuntal’ipotesi di suddividere l’ammontare del canone, pari a 100 euro,in più rate da associare alle bollette della luce che vengonoemesse ogni due mesi. La soluzione potrebbe essere gradita aiconsumatori che vedrebbero alleggerirsi il carico e per lo Statosarebbe più facile riscuotere la tassa perchè diventerebbe piùcomplicato non pagarla.
Inoltre, dopo anni in cui si èassistito ad una progressiva riduzione del tetto massimo per ipagamenti in contante ora si inverte la rotta e si prevede unarevisione a rialzo della soglia. Il limite per l’utilizzo deldenaro cash salirà da 1.000 a 3.000 euro allineando l’Italia alresto dei paesi europei. Superata questa soglia sarà necessarioricorrere ai pagamenti elettronici o bancari. A premere perl’intervento soprattuto l’Ncd di Angelino Alfano. Tuttavial’annuncio ha suscitato molte polemiche.
Int3

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su