Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Boschi: Pd ora è compatto, basta con le polemiche

colonna Sinistra
Mercoledì 14 ottobre 2015 - 08:52

Boschi: Pd ora è compatto, basta con le polemiche

"Verdini non sostiene governo, ma vota coerente su riforma"
20151014_085242_8C2BE0EC

Roma, 14 ott. (askanews) – “Tutto il Pd ha fatto un grande lavoro e dev’esserne orgoglioso. Oggi è il giorno del Pd pride. L’idea era arrivare alla fine uniti, insieme e ci siamo riusciti”. Lo afferma il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi in un’intervista a Repubblica commentando l’approvazione da parte del Senato della riforma costituzionale.

Bersani dice che la maggioranza del Pd è più affezionata ai voti di Verdini che a quelli della sinistra? “Basta con le polemiche” risponde la Boschi ribadendo che “Verdini non sostiene questo governo, sulla riforma vota in maniera coerente”. Forza Italia, invece, secondo il ministro, ha “perso una gigantesca occasione. L’occasione di dare un contributo alla riforma che l’Italia aspetta da 30 anni, che abbiamo scritto insieme, che avevano già votato e che ha subito modifiche minime condivise anche da loro. Noi però siamo andati avanti nell’interesse del Paese, non potevamo aspettare Berlusconi. Il nostro Pd cerca l’accordo con tutti ma non è sotto ricatto di nessuno”.

Quanto al referendum la Boschi si dice “ottimista” e “noi lavoriamo per andare al referendum il prima possibile” ma “è più probabile che sia a ottobre” piuttosto che a giugno insieme alle amministrative. “I cittadini potranno scegliere tra un nuovo assetto che garantisce un Paese più semplice”, “l’alternativa è rimanere ancorati al passato che avrà come portavoce Lega, 5 stelle e Forza Italia compatti contro lo scatto avanti del Paese – conclude il ministro -. Sono ottimista anche perché il sì avrà una maggioranza solida e molto forte alle spalle”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su