Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Divergenze Pd-Ap su unioni civili, verso calendarizzazione in Aula

colonna Sinistra
Lunedì 12 ottobre 2015 - 20:43

Divergenze Pd-Ap su unioni civili, verso calendarizzazione in Aula

I Dem: andare avanti veloci. Alfano: faremo una battaglia leale
20151012_204315_D31BFFBF

Roma, 12 ott. (askanews) – Le divergenze restano tutte, e nessuno le nasconde, anche dopo l’incontro di palazzo Chigi tra Matteo Renzi e Angelino Alfano. Ma il Pd intende comunque andare avanti sulla calendarizzazione delle unioni civili nell’aula del Senato. E domani sarà questa la posizione che il capogruppo Luigi Zanda porterà alla capigruppo di palazzo Madama.

Al termine dell’incontro, sia il Pd che Ap rinviano a domani, quando al Senato Luigi Zanda e Renato Schifani riuniranno i rispettivi uffici di presidenza. Ma l’esito sembra già segnato: “Il Pd ritiene necessario portare velocemente il provvedimento in Aula, e se l’ufficio di presidenza del gruppo confermerà questa linea, in capigruppo sosterrò la necessità di portare il ddl in modo molto veloce”. Un modo per non segnare la frattura con Ap subito dopo il vertice, ma nel Pd nessuno ha intenzione di rinunciare a portare il ddl in Aula: “Se Ap in capigruppo farà legittimamente la sua battaglia, vorrà dire che la calendarizzazione passerà con i voti di Sel e dei Cinque Stelle”, spiegano fonti parlamentari Dem.

Restano però anche le divergenze di merito, a partire dal tema delle adozioni, su cui è lo stesso Alfano a ribadire con nettezza la linea del partito: “Faremo una battaglia leale e coerente sui nostri principi. Sì al riconoscimento di diritti individuali patrimoniali, no all’adozione dei bambini. Il tema delle adozioni è un tema che oggi ci divide molto”. Così come sull’utero in affitto “per noi ci vorrebbe addirittura la sanzione penale”. Dunque, per Alfano “la ‘Cirinnà 1’ non andava bene, la ‘Cirinnà 2’ ancora meno bene su alcuni punti di vista”.Il punto è sempre lo stesso: “Noi temiamo che attraverso norme scritte in modo ambiguo si violino alcuni paletti fissati dalla Corte Costituzionale, si faccia una sorta di equiparazione con il matrimonio, e ci sia la possibilità prima o dopo, anche attraverso l’intervento della magistratura, che si arrivi all’adottabilità di bambini da parte di coppie dello stesso sesso. I bambini hanno diritto ad avere un papà e una mamma, e il loro diritto – conclude Alfano – viene prima di quello di tutti gli altri”. Ma su questo ci sarà tempo, visto che per ora si parla solo di incardinare il provvedimento. Per la sua approvazione, con ogni probabilità, si attenderà la fine della sessione di bilancio.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su