Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Roma, Marino: per cacciarmi mi avrebbero messo la cocaina in tasca

colonna Sinistra
Venerdì 9 ottobre 2015 - 08:42

Roma, Marino: per cacciarmi mi avrebbero messo la cocaina in tasca

"Renzi? Non ci ho parlato, non conosco suo giudizio"
20151009_084242_C1E5B960

Roma, 9 ott. (askanews) – “Ci avevano provato con la Panda rossa, i funerali di Casamonica, la polemica sul viaggio del Papa. Se non fossero arrivati questi scontrini, prima o poi avrebbero detto che avevo i calzini bucati o mi avrebbero messo della cocaina in tasca”. Lo dice Ignazio Marino, sindaco di Roma che si è dimesso ieri, in una intervista a “La Stampa”.

Per quanto riguarda le spese di rappresentanza contestate, Marino ribadisce che “sono disposto a pagare di persona le mie spese di rappresentanza di questi due anni: 19.704,36 euro. Li regalo al Campidoglio, compresa la cena in onore del mecenate che poi ha staccato l’assegno da due milioni con cui stiamo rimettendo a posto la fontana di piazza del Quirinale, sette colonne del foro Traiano e la sala degli Orazi e Curiazi”. Sulle note spese “io non so cosa ci hanno scritto sopra. Ho consegnato gli scontrini agli uffici, come si fa in questi casi. Non escludo che possa esserci stata qualche imprecisione da parte di chi compila i giustificativi”.

A proposito dei rapporti con il premier, Marino afferma che “Renzi non ha avuto la possibilità di apprezzare i cambiamenti epocali che abbiamo fatto in questa città. Mi hanno espresso vicinanza in due. Il ministro Graziano Delrio e Giovanni Legnini, vice presidente del Consiglio Superiore della Magistratura. Erano entrambi molto avviliti per quanto accaduto”. Invece per quanto riguarda Renzi “non avendo avuto l’opportunità di parlare col presidente del Consiglio, non ho potuto conoscere qual è il suo giudizio”.

Nella sua lettera di dimissioni Marino ha ricordato che ha venti giorni di tempo per ripensarci ma, assicura, non è una minaccia: “Ma si figuri. Prendo atto che Pd e Sel, due partiti della maggioranza, hanno chiesto le mie dimissioni. E un chirurgo nonpuò restare in sala operatoria senza il suo team”. E comunque, conclude, “la decisione non è più nelle mie mani. E io sono l’ultima persona al mondo che vuole occupare una poltrona. Questo incarico meraviglioso mi ha procurato problemi familiarienormi, proiettili in busta e perdita della libertà personale”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su