Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Dal Pd nuovo testo su unioni civili, ma Ap attacca: non concordato

colonna Sinistra
Mercoledì 7 ottobre 2015 - 11:56

Dal Pd nuovo testo su unioni civili, ma Ap attacca: non concordato

Sacconi: "Riproduce la genitorialità omosessuale"
20151007_115609_5478E2B5

Roma, 7 ott. (askanews) – Resta incandescente il clima nella maggioranza sulle unioni civili, su cui si profila un nuovo scontro. Ieri sera, in Senato, il Pd ha fatto sapere di aver depositato un nuovo testo rispetto al precedente elaborato dalla relatrice Monica Cirinnà, ma i centristi di Area popolare continuano a respingerlo.

“Il nuovo ddl Cirinnà – sostiene Maurizio Sacconi – riproducesostanzialmente l’originaria impostazione del riconoscimentodella genitorialità omosessuale e dell’omologazione tra unionicivili e matrimoni, anche se riduce l’esatta sovrapposizione trai due istituti”. Il testo, quindi, non convince i cattolici di Ap perchè mantiene la norma più invisa ai centristi che permetterebbe l’adozione dei figli, il cosiddetto ‘stepchild adoption’.

“Le modifiche – spiega ancora Sacconi – non sono state oggetto di alcun negoziato con Ncd. Rimane il macigno divisivo della genitorialità e della legittimazione dell’utero in affitto che noi chiediamo anzi di perseguire come ‘reato universale’. In queste condizioni l’iscrizione nel calendario dell’Aula senza relatore è inaccettabile – aggiunge l’esponente di Ap – perché la Commissione rimane il luogo dell’approfondimento e del confronto altrimenti negati. Sarebbe poi un errore politico introdurre tensioni nella maggioranza in una fase dedicata alla riforma costituzionale e alla manovra economica”.

La differenza sostanziale rispetto al ‘vecchio’ testo Pd è la soppressione dei riferimento al matrimonio, nel nuovo articolato si userebbe infatti l’espressione “formazioni sociali”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su