Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Grillo racconta Italia 2042 a guida M5s: “Non abbiamo leader”

colonna Sinistra
Lunedì 21 settembre 2015 - 15:28

Grillo racconta Italia 2042 a guida M5s: “Non abbiamo leader”

"Nel 2015 ci sono ancora Renzi e Berlusconi, Italia va cambiata"
20150921_152806_25D74A06

Roma, 21 set. (askanews) – Beppe Grillo lancia l’appello alla partecipazione (e al finanziamento) per la manifestazione Italia 5 stelle in programma a Imola il 17 e 18 ottobre. Lo fa a modo suo, con un video ambientato addirittura nel 2042 nel quale interpreta se stesso invecchiato (ma non troppo) e racconta una lunga serie di conquiste di 25 anni di governo affidato al Movimento 5 stelle. Ma in conclusione si concentra su temi più concreti: “Ora – dice nel finale della clip pubblicata sul suo blog – torniamo al presente, siamo nel 2015. Siamo tornati a oggi, al 2015: l’abbiamo visto un futuro possibile, adesso apriamo gli occhi perché siamo tornati al presente, questo buco nero del presente con ancora questi fantasmi che si aggirano, questi Renzi, questi Berlusconi ci sono ancora, l’Italia va cambiata e l’unico movimento che può cambiarla è il Movimento 5 stelle, voi siete il Movimento 5 stelle! Non ha leader il Movimento 5 stelle, il Movimento 5 stelle è leader di sé stesso!”, sostiene Grillo, che torna così a puntualizzare sul tema, dopo le polemiche per le sue battute pubbliche sull’investitura del vicepresidente della Camera Luigi Di Maio come nuovo leader.

“Dovete essere presenti – è l’appello che Grillo recapita ai suoi seguaci – a questa grande manifestazione che faremo a Imola, non dovremo delegare più niente a nessuno, siamo noi! Ci vedremo lì a Imola il 17 e 18 ottobre e dovete dare qualcosa perché noi non viviamo di contributi pubblici: abbiamo rifiutato 42 milioni di euro! Viviamo di donazioni, piccole donazioni, quello che potete, per almeno rifare le spese: sostieni Italia 5 stelle con una donazione!”.

“Ci vediamo lì, avremo un grande palco, una grande area -promette il fondatore del Movimento 5 stelle – su cui stare insieme due giorni con i parlamentari europei, italiani, attivisti, meet up, consiglieri, artisti, musicisti! Ci saremo tutti, due giorni a parlare e a concepire lì il programma che avremo quando andremo a governare, quindi venite numerosi il 17/18 ottobre a Imola!Grazie a tutti e poi ci vediamo, poi vediamo se ci vediamo, come andrà a finire, grazie!”.

Nella parte iniziale del video Grillo, truccato in modo pesante per apparire più vecchio, viene rappresentato in un “laboratorio” hi tech. “Non ve l’aspettavate, non ve l’aspettavate – dice – che ci ritroviamo qua e mi ritrovate qua, siamo nel 2042, siamo dal 2017 al Governo e sono passati 25 anni, l’ho goduta poco perché sono uscito di galera una settimana fa, ma abbiamo fatto una cosa meravigliosa! Di tutto!”.

Il racconto di Grillo è un lungo elenco di cose “fatte” (nel 2042) che forniscono lo spunto per ripercorrere alcune indicazioni sul programma del M5S, ma forse anche alcune idee personali del fondatore. “Democrazia dal basso – racconta il Grillo del futuro – e non ci credeva nessuno, abbiamo fatto i referendum senza quorum inseriti nella Costituzione, leggi popolari. Siamo diventati una nazione autosufficiente, non ci credeva nessuno! Nessuno credeva che potevamo andare con energie alternative naturali e perfette, ora ci siamo! Abbiamo una scuola pubblica meravigliosa a livello europeo, abbiamo un’informazione libera con editori che sono solo editori (sembrava impossibile!) abbiamo abolito l’ordine dei giornalisti e i finanziamenti agli editori! Una cosa meravigliosa! Siamo primi nel turismo nel mondo, la bellezza vince in questo Paese!Siamo primi nella cultura, abbiamo cose meravigliose che vengono da tutto il mondo a vedere”.

“Il reddito di cittadinanza, non ci credeva nessuno nelle coperture… L’abbiamo fatto, l’abbiamo fatto 23 anni fa, non c’è più nessuno – dice ancora Beppe Grillo proiettato nel 2042 – che rimane indietro, i poveri non si sa chi sono, si guardano così, ‘eri povero?’ ‘Io no!’ Nessuno ricorda i numeri dei vecchi segretari di partito, non c’è più il partito, hanno fatto una lista: tutti insieme hanno preso il 4%, ma sono proprio i retaggi medioevali”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su