Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Colloquio Kyenge-Guerini: “sono amareggiata ma resto nel Pd”

colonna Sinistra
Giovedì 17 settembre 2015 - 20:41

Colloquio Kyenge-Guerini: “sono amareggiata ma resto nel Pd”

L'ex ministro: voto su Calderoli inconcepibile, la base è con me
20150917_204049_51692C4E

Roma, 17 set. (askanews) – “Sono triste e amareggiata, ma no, non lascio il Pd perchè è casa mia. E’ chi ha sancito con il voto di ieri che il razzismo non è reato a doversi interrogare. Mi aspetterei dal mio partito una seria riflessione sull’esito e significato del voto di ieri al Senato, un voto nemmeno concepibile in Europa e impossibile da spiegare quanto a coerenza con i nostri valori”. Lo ha scritto su Facebook l’ex ministro Pd Cecile Kyenge che, secondo quantio si è appreso dallo staff dell’ex ministro, ha ricevuto oggi una lunga telefonata dal vicesegretario del Pd Lorenzo Guerini alla luce del vopto di ieri Senato sulla diffamazione nei suoi confronti del leghista Roberto Calderoli.

“La base del partito invece – ha sottolineato Kyenge- una risposta a quel voto la sta dando: ringrazio per l’immensa solidarietà il popolo e i tantissimi circoli Pd che mi hanno espresso in queste ore la loro vicinanza con grandissimo affetto. Sono loro che mi confermano nell’andare avanti e io vado avanti perchè il razzismo è ancora reato”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su