Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi: tempo è galantuomo, “Buona Scuola” non è mostro paventato

colonna Sinistra
Lunedì 14 settembre 2015 - 12:34

Renzi: tempo è galantuomo, “Buona Scuola” non è mostro paventato

"Aperti a confronto, ma non possiamo fermarci allo status quo"
20150914_123411_44A7FECA

Roma, 14 set. (askanews) – “Il tempo è galantuomo e i prossimi mesi dimostreranno che la Buona Scuola non era il mostro paventato. È un primo passo, niente di eccezionale, ma un primo passo per dare più valore alla scuola e all’insegnamento”. E’ quanto scrive il premier Matteo Renzi in un lungo post su Facebook, nel quale approfitta del primo giorno di scuola per fare il “punto” sulla riforma varata dal governo.

“Il 97% dei docenti ha accettato il ruolo che gli è stato proposto – spiega -. Migliaia di precari hanno adesso un lavoro stabile. Alla fine della fase di assunzioni ogni scuola avrà in media sette insegnanti in più, meno classi numerose, più attività per integrazione, approfondimenti, sostegno”.

Renzi ricorda che “ci eravamo lasciati con le polemiche sulla Buona Scuola e, se un po’ conosco questo mondo, credo che continueranno ancora” ma fa il punto delle cose “che sono state fatte”.

“Partiamo dalla sicurezza – scrive il premier -.Abbiamo ereditato una situazione molto negativa, ma non siamo gente che si piange addosso. Trentatremila immobili sono la casa dei nostri studenti. Abbiamo bussato alla porta della Banca Europea degli Investimenti (circa un miliardo di finanziamento), abbiamo destinato all’edilizia scolastica fondi di programmazione nazionale e alla fine abbiamo stanziato 3,7 miliardi per le scuole, per realizzare un totale di seimila interventi nel prossimo triennio. Di questi, seicento sono stati realizzati in questi mesi, dalla Lombardia alla Sicilia passando per l’Emilia del post-terremoto. Migliaia di ragazzi entreranno in scuole più sicure”.

“Secondo: quante polemiche sulla carta igienica da portarsi da casa, ricordate? Bene, questo deriva dal fondo di finanziamento delle scuole: valeva 110 milioni di euro e di solito veniva assegnato verso novembre, per cui i presidi non sapevano bene come muoversi. Da quest’anno, invece, il fondo è già operativo, ed è stato raddoppiato. Erano 110 milioni, adesso sono 223. Oggi se una famiglia vuole dare il contributo volontario, faccia pure, ma i soldi per il funzionamento della scuola li abbiamo messi e raddoppiati. Perché noi alle scuole teniamo davvero”, rimarca il premier.

“Come avete visto noi siamo persone, che amano confrontarsi e discutere, ma che alla fine portano a casa l’obiettivo. Quindi, se vogliamo abbandonare lo scontro ideologico e confrontarci sul bene comune, su ciò che veramente serve alla scuola, siamo felici di farlo. Siamo pronti ad ascoltare, migliorare, confrontarci, cambiare. L’unica cosa che non possiamo accettare è fermarci allo status quo. Per noi la scuola è la priorità, la priorità del Paese”, sottolinea infine Renzi.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su