Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Grillo condannato per difammazione: “Io come Pertini e Mandela”

colonna Sinistra
Lunedì 14 settembre 2015 - 15:34

Grillo condannato per difammazione: “Io come Pertini e Mandela”

"Forse Movimento 5 stelle che si avvicina al governo fa paura"
20150914_153417_F48FE499

Roma, 14 set. (askanews) – “Forse fa paura che il Movimento 5Stelle si stia avvicinando al governo? Se Pertini e Mandela sonofiniti in prigione potrò andarci anch’io per una causa che sentogiusta e che è stata appoggiata dalla stragrande maggioranzadegli italiani al referendum. In alto i cuori”. Lo scrive BeppeGrillo sul suo blog, condannato oggi dal Tribunale di AscoliPiceno per diffamazione.

“Oggi – scrive Grillo – è stata emessa la sentenza dal tribunaledi Ascoli Piceno contro di me per diffamazione, per aver detto inun comizio che il professor Franco Battaglia, docente di Chimicaambientale del Dipartimento di Ingegneria ‘Enzo Ferrari’dell’Università di Modena e Reggio affermava delle coglionate inmerito al nucleare. Il fatto risale all’11 maggio 2011, inoccasione di un mio comizio elettorale a San Benedetto del Trontoin vista del referendum sul nucleare”. Riferendosi allapartecipazione di Battaglia ad ‘Anno Zero’, Grillo disse: “Viinvito a non pagare più il canone, io non lo pago più perché nonpuoi permettere ad un ingegnere dei materiali, nemmeno delnucleare, parlo di Battaglia, un consulente delle multinazionali,di andare in televisione e dire, con nonchalance, che a Chernobylnon è morto nessuno. Io ti prendo a calci nel c…o e ti sbattofuori dalla televisione, ti denuncio e ti mando in galera”.

“Il Pm – afferma oggi il leader del Movimento 5 stelle – avevachiesto una multa di 6.000 euro. Il giudice mi ha invece tolto lacondizionale condannandomi a un anno di prigione e a 50.000 eurodi risarcimento. Io sono fiero di aver contribuito a evitare lacostruzione di nuove centrali nucleari in Italia. E’ un’ereditàche lascio ai nostri figli che potranno evitare incidenti comeChernobyl e Fukushima”, conclude, sottolineando anche che”contrariamente a quanto riportato da alcuni organi diinformazione la pena non è stata sospesa”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su