Header Top
Logo
Lunedì 24 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pd, Emiliano: non sono “anti-Renzi”, mai sostenuto così un leader

colonna Sinistra
Mercoledì 9 settembre 2015 - 09:31

Pd, Emiliano: non sono “anti-Renzi”, mai sostenuto così un leader

"Su alcune cose non siamo d'accordo ma non voglio sostituirlo"
20150909_093114_3654039E

Roma, 9 set. (askanews) – Nessuna intenzione di candidarsi alla guida del Pd: “Di sostituirlo a me non passa nemmeno per l’anticamera del cervello”. A dirlo è Michele Emiliano, governatore della Puglia, indicato dal premier come uno degli aspiranti “anti-Renzi”.

“Quasi non ci credevo, quando l’ho sentito”, afferma Emiliano a “La Repubblica”. Certo, punti di divergenza tra i due ce ne sono stati: “Io non sono un seguace, ma una persona – spiega Emiliano -. Non è possibile attribuire di forza a qualcuno il ruolo di avversario politico solo perché su alcune questioni non è d’accordo con te. Come dicono a Bari, io non ho numero di casa. Sì, insomma, non guardo in faccia a nessuno. Questo lo sanno tutti, perfino i pugliesi che non mi hanno votato. Peraltro a Renzi ho concesso un affetto e un sostegno che non credo di avere mai dato ad altri premier e ad altri segretari del Pd”.

Comunque quella di Renzi sarebbe stata, per Emiliano, solo “una battuta. E gli è riuscita, visto il putiferio che ha scatenato”. L’incidente però è chiuso: “Non vedo l’ora di abbracciarlo quando sabato arriverà per inaugurare la Fiera del Levante”, dice il governatore pugliese ribadendo di non volersi candidare a fare il leader del partito nel 2017: “No, non mi piacerebbe. Devo fare un altro mestiere, per cinque anni. Anzi, no: se lo faccio bene, per dieci. Come auguro a Matteo, due mandati a Palazzo Chigi”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su