Header Top
Logo
Lunedì 1 Maggio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Prodi: maggiore integrazione Ue per non essere spazzati via

colonna Sinistra
Martedì 8 settembre 2015 - 12:39

Prodi: maggiore integrazione Ue per non essere spazzati via

"Europa paralizzata da crisi, populismo e paura"
20150908_123902_90DA0268

Roma, 8 set. (askanews) – “Se non vogliamo fare la fine degli Stati rinascimentali italiani, spazzati via dalla prima globalizzazione che fu la scoperta dell’America, dobbiamo avere una maggiore integrazione. Gli Stati europei sono troppo piccoli. E le reti globali delle nuove tecnologie, da Apple ad Amazon, da Google a Ali Baba, sono tutte americane o cinesi. Non ce n’è una europea. Non siamo in grado di crearle, così come l’Italia divisa non riusciva a costruire le grandi caravelle necessarie a solcare gli oceani”. Lo ha detto l’ex presidente del Consiglio e della Commissione Ue Romano Prodi, intervenendo all’incontro di Sant’Egidio “La Pace è sempre possibile” a Tirana in Albania.

“L’allargamento dell’Europa – ha detto Prodi – è l’unico caso riuscito di esportazione della democrazia. La democrazia si crea con la pace. Ma poi è arrivata l’Europa della paura, con i timori generati dalla crisi e dall’immigrazione, paralizzata da populismo e respiro corto”. Il bivio per Prodi è quindi quello tra irrilevanza ed avere un ruolo nel mondo: “In Cina – ha spiegato – l’Europa è già considerata out. Ci siamo allargati ad est, ma chiusi a sud. Non siamo riusciti nemmeno a creare una banca del Mediterraneo o una università con sedi sulle due sponde del Mare Nostrum, con professori e studenti provenienti da nord e da sud. Davanti allo sviluppo demografico dell’Africa dobbiamo dare delle risposte tempestive, e non essere bloccati nei nostri processi decisionali, ricattati dai populismi o in attesa dei risultati delle prossime elezioni locali”. Invece, ha concluso, “la situazione dell’Ucraina ci dimostra quanto sia importante l’integrazione e come non si possa affrontare il mondo da soli”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su