Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Isis, Franceschini: caschi blu della cultura per difesa patrimonio

colonna Sinistra
Venerdì 21 agosto 2015 - 10:28

Isis, Franceschini: caschi blu della cultura per difesa patrimonio

"Non si può restare a guardare, è dovere comunità internazionale"
20150821_102831_999BB9BD

Roma, 21 ago. (askanews) – “Il Patrimonio dell’umanità, dichiarato tale dall’Unesco, è patrimonio dell’umanità. Non di uno Stato. Non di un privato. E allora è la comunità internazionale che deve attrezzarsi per difendere le tante Palmira dalla furia dei terroristi. Noi abbiamo fatto una proposta che ha ricevuto un grande consenso alla riunione degli 83 ministri della Cultura tenuta a fine luglio all’Expo, che è diventata una risoluzione da noi portata in sede Onu e che ora, al consiglio Unesco del 9 ottobre, potrà prendere forma un piano definito: i ‘Caschi blu’ della cultura”. Lo afferma il ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini in una intervista ad ‘Avvenire’. Franceschini pensa a “una forza di interposizione, pensata non tanto per intervenire quando il danno è stato fatto, ma per avere una task-force che cerchi di proteggere prima della distruzione, per mettere in sicurezza i beni. E attenzione: l’Is non solo distrugge, ma trafuga anche il resto per finanziare il terrorismo attraverso il mercato illegale, ci sono già delle prove. Ribadisco: non si può restare a guardare, è già un dovere della comunità internazionale”.

Al quotidiano il ministro annuncia anche una mostra per ricordare i “nostri” Khaled Asaad: uomini che non vennero decapitati, ma difesero il patrimonio nella guerra mondiale, proprio come lui. “Ci sarà nel 2016, per i settant’anni della Liberazione – spiega Franceschini -. Stiamo raccogliendo materiale su tutto quello che hanno fatto tanti soprintendenti, tanti direttori di musei, tanti storici dell’arte per salvare tante opere d’arte dalle bombe e dai furti. Ci sono storie geniali di opere nascoste, il David di Michelangelo fu coperto con un enorme cilindro di pietra. Ho anche chiamato al telefono Robert Edsel, lo scrittore di ‘Monuments men’, perché ha fatto un secondo libro ambientato in Italia e sarà coinvolto in questo progetto”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su