Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Fico riunisce presidenza Vigilanza: “ma nomine Rai a settembre”

colonna Sinistra
Giovedì 30 luglio 2015 - 13:08

Fico riunisce presidenza Vigilanza: “ma nomine Rai a settembre”

Il presidente M5s avverte: troppa fretta, cda non si sceglie ora
20150730_130836_BF5333A5

Roma, 30 lug. (askanews) – L’ufficio di presidenza della commissione di Vigilanza sulla Rai si riunirà questo pomeriggio alla 14. La convocazione arrivata ai capigruppo dal presidente M5s della commissione Roberto Fico fa riferimento alla formale sollecitazione avuta ieri dal Governo, con la lettera del ministro dell’Economia Pier Carlo Padoana azionista pubblico di riferimento per la Rai, a provvedere subito al rinnovo del cda di viale Mazzini secondo le regole della legge Gasparri in vigore, senza aspettare il voto del Parlamento sulla riforma della governance Rai in queste ore all’esame dell’aula del Senato.

Il Governo è determinato a chiudere la partita e scegliere subito i nuovi vertici. In aula al Senato il Sottosegretario alle Tlc Giacomelli ha motivato la lettera di Padoan con la decisione del premier Matteo Renzi di non procedere con un decreto – che anche il Quirinale non vedeva di facile praticabilità- ma di non voler attendere i tempi incerti dell’esame della riforma in Parlamento la cui approvazione non arriverà comunque prima dell’autunno.

La stessa fretta, però, non la ha Fico. Pronto oggi, come dovuto, ad avviare le procedure. Ma ben determinato a impedire che il ruolo della Vigilanza sia di semplice notaio di accordi esterni fra le forze politiche. “Il sentimento che vedo prevalere – ha detto Fico a Repubblica in una intervista- èla fretta: chiudere tutto e andare in vacanza. Non è così che si fanno le scelte migliori per la Rai. Come sipossono selezionare in 5 giorni le persone migliori con unamodalita’ trasparente, fuori dalle logiche del potere e deipartiti? E’ impossibile”.

“Per non rispondere alle solite logiche spartitorie bastarifiutarle, non serve una legge. E’ questo che chiedo alle altreforze politiche: un’assunzione di responsabilità per il benedella Rai. Prendiamoci queste settimane – è dunque la posizione del presidente della Vigilanza- e riuniamoci poi dopo la pausa per scegliere le persone migliori per guidare la Rai. Al Senatoabbiamo lavorato per avere criteri di trasparenza, onorabilità ecompetenza per i consiglieri Rai. Facciamoli valere da subito.Scegliamo nomi alti e fuori dalla politica. Dobbiamo nominare persone svincolate dai partiti, che abbiano competenzae indipendenza comprovate e assenza di conflitti di interessi,attraverso la selezione di curricula pubblici”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su