Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Grillo: Alfano usa i prefetti come scudi umani per sua incapacità

colonna Sinistra
Giovedì 23 luglio 2015 - 15:39

Grillo: Alfano usa i prefetti come scudi umani per sua incapacità

"Governo conta come due di picche in Ue e scarica suoi problemi"
20150723_153931_A325AEBC

Roma, 23 lug. (askanews) – “I prefetti rispondono al ministro degli Interni. Sono usati in questi giorni come scudo da Alfano per la sua incapacità di gestire l’emergenza extracomunitari”. E’ quanto si legge sul blog Beppegrillo.it, in un post anonimo e di conseguenza riconducibile al leader del Movimento 5 stelle, titolare del sito.

“L’ultimo caso – scrive Grillo – è la rimozione del prefetto Maria Augusta Marrosu da Treviso per la gestione di 101 extracomunitari a Quinto, inseriti all’interno di un condominio.Ma il pesce puzza dalla testa, e la testa è Alfano. I prefetti prendono ordini non decidono, e se chi da le disposizioni è Alfano sono messi in situazioni impossibili. Si trovano a fare gli agenti immobiliari, a fare bandi per trovare un buco in cui mettere persone spesso non identificate che arrivano a ondate”.

“La figura del prefetto – ricorda il leader M5S – fu introdotta in Italia da Napoleone nel 1802, ha la responsabilità generale dell’ordine e della sicurezza e di protezione civile nell’area di competenza. Il prefetto non è una carica elettiva, ma un dipendente del ministero degli Interni che lo usa in questi giorni come scudo umano. Questo governo conta come il due picche in Europa, lo si è visto con le quote, con i blocchi di Ventimiglia e del Brennero all’ingresso degli extracomunitari e ha come unica risorsa quella di scaricare sugli altri i propri problemi, in questo caso i prefetti, che diventano il bersaglio da colpire dato in pasto alla pubblica opinione”.

“Claudio Palomba, prefetto di Lecce e presidente del Sinpref, sindacato che – osserva ancora Beppe Grillo – rappresenta oltre il 70% dei prefetti ha dichiarato: ‘Siamo soli ad applicare le direttive del governo sull’immigrazione,spesso in totale opposizione ai sindaci. Siamo bersagli in prima linea. Ci stiamo letteralmente inventando un mestiere, facciamo persino gli agenti immobiliari. Nessun prefetto ha interesse a decidere in solitudine. Tutti ci aspettiamo di confrontarci con sindaci e assessori regionali. Ma se tu la soluzione non me la dai, io devo trovare il modo di collocare le persone”.

“Al Viminale c’è ancora posto, collocate lì i nuovi arrivi, a parte la puzza di pesce si troveranno bene”, conclude Grillo.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su