Header Top
Logo
Giovedì 23 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Al Senato riforme slittano a settembre, accelera la riforma Rai

colonna Sinistra
Mercoledì 8 luglio 2015 - 19:58

Al Senato riforme slittano a settembre, accelera la riforma Rai

Si riapre dialogo tra maggioranza e Fi sui due fronti
20150708_195803_FD518426

Roma, 8 lug. (askanews) – La riforma costituzionale slitta asettembre quella della Rai invece potrebbe vedere la luce primadella pausa estiva dei lavori parlamentari al Senato. E’ ilquadro che emerge da una giornata di lavori in commissione aPalazzo Madama.

L’ufficio di presidenza della commissione Affari costituzionaliha ratificato quanto ieri il ministro Boschi aveva accennatoparlando di un voto a settembre. Tempi più lunghi quindi incommissione per l’esame della riforma del Senato: ci saranno bendue settimane tra audizioni e discussione generale e tempo finoal 31 luglio per presentare gli emendamenti. Quindi, come spiegala presidente Anna Finocchiaro, “si comincerà a votare incommissione nella prima settimana di agosto e dunque si andrà inAula a settembre”. Questo tempo in più serve anche a rasserenareil clima tra le varie forze politiche e non a caso dopol’apertura fatta ieri da Paolo Romani oggi Fi ha votato a favoredel calendario sulle riforme.

Nelle stesse ore, sempre al Senato, gli azzurri hanno segnato un altro punto vedendo approvati alcuni emendamenti alla riforma della Rai. E’ Gasparri a spiegarne il senso: “Per la designazione del presidente resta il meccanismo della ratifica con un quorum qualificato dei due terzi della Commissione parlamentare di vigilanza. Rimane quindi la figura di un presidente di garanzia.

Per quanto riguarda le nomine principali della Rai è stato inserito un emendamento del relatore che prevede un parere obbligatorio del Cda, che non viene più esautorato come intendeva fare in una prima fase il governo. Inoltre, il parere per le nomine più importanti diventa vincolante quando viene espresso da una maggioranza dei due terzi del Cda”. Soddisfatto anche il relatore Raffaele Ranucci: “Abbiamo fatto un buon lavoro in commissione accogliendo alcuni emendamenti delle opposizioni e domani saremo in grado di concludere”.

Anche se il patto del Nazareno non c’è una nuova forma di collaborazione tra la maggioranza e Fi potrebbe portare al governo un duplice vantaggio: da un lato, sul fronte delle riforme avere un appoggio numerico per non restare ostaggio delle richieste della minoranza Pd e dall’altro portare in porto la riforma della governance Rai senza troppi danni e di sicuro senza passare per il rinnovo del Cda con la legge Gasparri, argomento al quale comunque il governo non sembrava disposto a cedere, forte dei precedenti secondo i quali è possibile prorogare il consiglio attuale fino a quando la nuova legge non sarà operativa.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su