Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Fitto vara il suo gruppo, ma in Senato anche Verdini è in campo

colonna Sinistra
Mercoledì 3 giugno 2015 - 21:12

Fitto vara il suo gruppo, ma in Senato anche Verdini è in campo

Si cercano numeri per "Conservatori e riformisti" anche a Camera
20150603_211212_7378AB6D

Roma, 3 giu. (askanews) – Un primo passo è stato fatto, anche sein realtà è un mezzo passo. La scissione di Raffaele Fitto da Forza Italia è ormai ufficiale: al Senato infatti è nato il gruppo dei “Conservatori e riformisti”, dodici in tutto. Ma l’operazione, diventata ormai inevitabile dopo lo strappo in Puglia, resta incompleta visto che l’eurodeputato non può ancora annunciare la creazione di un analogo gruppo alla Camera.”Proseguiamo gradualmente, stiamo andando avanti piano”, “il progetto politico” è “più importante degli aspetti operativi”, spiega Fitto.

A questo punto l’ex Pdl, diventato poi Forza Italia, è probabilmente il gruppo che ha subito più scissioni dall’inizio della legislatura e non è detto che finisca qui. Berlusconi, come ha più volte ripetuto, tira un sospiro di sollievo per questo addio che aspettava da tempo e questo sebbene la frantumazione del quadro sia sempre più in contraddizione con il motto “uniti si vince” sbandierato dai big azzurri. Dietro l’assenza di fretta di Fitto, comunque, c’è soprattutto un problema di numeri visto che a Montecitorio servirebbero 20 deputati e invece lo zoccolo duro dei fittiani si ferma a 13-14.

Ma la situazione (e dunque anche i numeri) sono in divenire.Perché ciò che resta di Forza Italia dopo le Regionali è un partito sempre più lacerato: il cerchio magico, potendo cantare vittoria grazie all’affermazione di Toti e dei candidati piazzati in Campania e Toscana, si stringe ancora di più e così gli avversari diventano sempre più avversari. Con Fitto già fuori, resta la guerra intestina con Denis Verdini. Nel giro ristretto berlusconiano sono convinti che si sia chiusa un’era ma il senatore toscano non è certo abituato a stare a guardare. E se c’è una cosa di cui si è sempre occupato quelli sono proprio i numeri. Anche lui, in queste ore, sta facendo i suoi conti. Nonostante le smentite, infatti, Verdini sta cercando di raccogliere truppe sia alla Camera che, soprattutto, al Senato: dove i suoi uomini potrebbero tornare molto utili a Renzi su molti provvedimenti, a cominciare dalle riforme.

Ma la situazione è talmente magmatica che finisce per generaresituazioni paradossali: una delle operazioni tentate negli ultimi tempi, infatti, è stata quella di saldare tra loro i due malcontenti, ovvero quello di Fitto e quello del senatore toscano. E questo nonostante uno abbia avversato le riforme a spada tratta mentre l’altro sia l’ex garante del patto del Nazareno. Tra i pontieri, Saverio Romano che alla fine, tra i due ha però scelto di schierarsi con Verdini. E lo stesso vale per Giuseppe Galati. Ma nell’area “grigia” c’è almeno una decina di deputati di Forza Italia oggetto di corteggiamento dell’uno e dell’altro. In serata l’eurodeputato pugliese riunirà i suoi per fare il punto anche sui numeri. Si guarda però anche fuori dai confini del partito azzurro, soprattutto al gruppo Misto. Dato già per acquisito l’ingresso dell’ex Fdi, Massimo Corsaro, si stanno anche sondando alcuni ex grillini e i tre deputati che fanno riferimento al Sindaco di Verona Flavio Tosi.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su