Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Grillo: Stato spende 236 mln vitalizi ex parlamentari, e io pago

colonna Sinistra
Giovedì 28 maggio 2015 - 16:43

Grillo: Stato spende 236 mln vitalizi ex parlamentari, e io pago

Sul blog l'elenco di ex deputati e senatori che li percepiscono
20150528_164323_5B62875B

Roma, 28 mag. (askanews) – “Lo Stato italiano spende circa 236 milioni di euro l’anno per i vitalizi. E anche tu!”. Lo scrive Beppe Grillo su twitter lanciando l’hashtag #eiopago mentre sul suo blog viene pubblicando l’elenco dei 1.515 ex deputati e 891 ex senatori che percepiscono il vitalizio.

“I vitalizi degli ex parlamentari – si legge sul sito del leader M5S – sono uno scandalo. Ci sono alcuni che ricevono il vitalizio con un solo giorno di presenza. Ma lo scandalo più grande è che non se ne vergognano, anzi, se glielo ricordi alzano pure la voce. In un Paese dove la pensione sta diventando un miraggio, sempre più magra e procrastinata nel tempo – viene spiegato sul sito del leader M5S – questi personaggi (che sono un numero impressionante e per i quali spendiamo 236 milioni all’anno) rispondono con frasi del tenore: ‘Il mio vitalizio è perfettamente legale’ o, per dirla alla Jannacci ‘Se me lo dicevi prima mi facevo una pensione, andavo a lavorare, non facevo il mutuo per una casa al di sopra delle mie possibilità, se lo sapevo prima non mi compravo una barca, mandavo i miei figli a lavorare'”.

Il blog di Grillo ricorda che “esiste infatti un fondo di microcredito del Tesoro a disposizione di imprese in difficoltà in cui gli svergognati percettori di soldi pubblici possono destinare i loro vitalizi. Nel fondo è versato regolarmente parte degli stipendi dei parlamentari a 5 Stelle e il fondo ammonta a 10 milioni di euro. Se ne conoscete qualcuno, sfogliate l’elenco degno delle Pagine Gialle, ricordategli del microcredito e del fatto che lui è un nostro dipendente mantenuto dalle nostre tasse anche dopo l’incarico parlamentare”.

Il blog di Grillo fa alcuni esempi: “Due radicali, Pietro Craveri e Luca Boneschi, che hanno percepito fino ad oggi 500mila euro a testa dopo aver trascorso alla Camera dei deputati solo un giorno. Un caso simile è poi quello di Angelo Pezzana, altro radicale, che è riuscito a portare a casa 588mila euro dopo appena 9 giorni da deputato”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su