Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • I prof invadono la bacheca Fb Renzi: indignati, non votiamo Pd

colonna Sinistra
Lunedì 11 maggio 2015 - 15:29

I prof invadono la bacheca Fb Renzi: indignati, non votiamo Pd

"Matteo aspettati un tonfo alle Regionali". Ma c'è chi lo difende
20150511_152925_04E3A0F0

Roma, 11 mag. (askanews) – Il premier Matteo Renzi posta sulla sua pagina Facebook la foto con i tennisti Fabio Fognini e Simone Bolelli, vincitori degli Australian Open, ricevuti a Palazzo Chigi e lo spazio bacheca viene letteralmente preso d’assalto dai commenti. Ma non si parla di sport, bensì di scuola. La “buona scuola” contro cui protestano anche in questo modo alcune decine di utenti ed insegnanti con un messaggio standard: “Noi docenti NON voteremo più il PD perchè indignati dal Ddl sulla buona scuola”.

C’è poi chi aggiunge varianti al messaggio del tipo “Aspettati un tonfo alle Regionali” o “caro Renzi ti conviene non votare il Pd nemmeno tu se non vuoi fare brutta figura” (Pino). “Sono stato sempre a fianco del Pd nelle lotte per difendere la scuola pubblica, dalla Moratti alla Gelmini, oggi mi ritrovo un Pd falso e come tutti gli altri – scrive Stefano -. Il mio VOTO e quello di tutta la mia famiglia il 31 maggio non andrà a questo Pd perché crediamo nella democrazia”. E ancora: “La scuola torna indietro di 40 anni. Tu non sei affatto un rottamatore, tu sei un restauratore. Io non voterò mai più il centro sinistra signor primo ministro” (Emanuele). Batte un colpo anche il sindacato: “Abbiamo paura di questa autonomia che non privilegerà il merito bensì il meretricio” è il messaggio firmato dalla Uil scuola Ragusa.

Ma, benchè più rari, ci sono anche i messaggi di sostegmo al premier. “Ma smettetela – scrive Luca – di dar contro a Renzi per partito preso, sono convinto che la metà della gente che partecipa a questa ridicola iniziativa di protesta (assolutamente legittima per carità) non sa neanche di cosa parli la legge della buona scuola. Vai avanti Matteo, sei più forte delle critiche!”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su