Header Top
Logo
Domenica 19 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Renzi: l’Italia ha bisogno di guardare avanti, noi ci crediamo

colonna Sinistra
Martedì 5 maggio 2015 - 21:05

Renzi: l’Italia ha bisogno di guardare avanti, noi ci crediamo

"Vogliamo lasciare il paese migliore di come l'abbiamo trovato"
20150505_210553_BE6140E8

Roma, 5 mag. (askanews) – L’Italia ha “bisogno di guardare avanti”. Lo scrive il premier Matteo Renzi sul proprio profilo Facebook, raccontando la sua visita in Trentino-Alto Adige: “L’Italia che ci prova ha bisogno di comunità solide e solidali, ha bisogno di guardare avanti. Siamo quelli che ci credono, e che hanno voglia di lasciare il Paese migliore di come l’hanno trovato”.

Renzi, nel suo post su facebook, descrive la giornata in Trentino-Alto Adige: “Mi piace raccontare la giornata di oggi in Alto Adige e in Trentino come un pezzo dell’Italia che verrà. Con i presidenti della provincia di Trento e di Bolzano abbiamo discusso sullo stato dell’arte delle istituzioni. Proprio ieri con l’approvazione della legge elettorale abbiamo dimostrato che la politica è una cosa bella e seria, che sa mantenere le promesse”.

“Poi sono stato alla Stahlbau Pichler di Bolzano che lavora l’acciaio e ha costruito 9 padiglioni all’Expo, facendo innovazione e investendo nell’alternanza scuola-lavoro. Nel ddl buona scuola proponiamo il sistema duale di formazione anche alla luce del modello altoatesino. E le aziende che ripartono anche con l’export dimostrano che Il nostro Paese ha solo da guadagnare dalla globalizzazione: per tutto ciò che è innovazione, bellezza, talento, la globalizzazione è un’opportunità, non una minaccia”.

“Nella Val di Non – continua – ho apprezzato l’iniziativa di consorzio Melinda a Tassullo per coniugare innovazione tecnologica, sostenibilità ambientale e produzione agroalimentare. A Trento sono stato poi alla Fondazione Bruno Kessler centro di ricerca europeo ed internazionale che attrae donne e uomini da ogni parte del mondo: innovazione, capitale umano, talento. Il futuro passa per forza da qui. Infine ho chiuso la giornata al Mart di Rovereto, perché è il simbolo di un luogo post-industriale che si rinnova e trova una nuova dimensione nella cultura. che non è nostalgia, ma è produzione di emozioni, è spinta verso il futuro”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su