Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Il padre di Lo Porto: mi sono vergognato di essere italiano

colonna Sinistra
Domenica 26 aprile 2015 - 13:33

Il padre di Lo Porto: mi sono vergognato di essere italiano

Camera vuota per morte mio figlio. Obama-Renzi sapevano e ridevano
20150426_133340_C6936841

Roma, 26 apr. (askanews) – “È come se quei signori avessero detto: ‘A noi non ce ne frega niente. È morto? Pazienza.Ne muoiono tanti’. Mi hanno fatto vergognare di essere italiano”. Lo ho detto il padre di Giovanni Lo Porto, il cooperante italiano ostaggio in Pakistan ucciso per errore dal fuoco amico Usa, parlando dell’aula semi-vuota della Camera nel giorno dell’informativa del Governo sulla tragica morte di suo figlio. “Mio figlio – ha sottolineato in una intervista a “il fatto Quotidiano Vito Lo Porto- era un tesoro.Non lo dico da padre: può chiedere a chiunque. Le risponderanno tutti allo stesso modo. Viveva per gli altri. Non si meritava uno spettacolo del genere”.

Vito Lo Porto, da anni separato dalla moglie che ha ricevuto la telefonata del premier Matteo Renzi, ne ha anche per palazzo Chigi e per la Casa Bianca. Io con Renzi – ha riferito- non c’ho mai parlato. Forse ha telefonato alla mia famiglia ma non lo so. E a questo punto non mi interessa nemmeno. Non credo che Renzi avrà mai la sensibilità di chiamareo venirmi a trovare a Pistoia. Però mi sembra impossibile che lui e Obama non sapessero che mio figlio fosse morto. Sono convinto che ne fossero a conoscenza entrambi e che abbiano deciso di fingere di non sapere, con un tacito accordo. Probabilmente hanno voluto prendere tempo.attori, sanno fare la loro parte. Sorridevano come due fratellini. È una mancanza di rispetto, ma non sono sorpreso”.

“Renzi – ha proseguito il padre del cooperante italiano ucciso- mi dà l’idea di un fanciullo, un bimbo un po’ v iziato, che ama giocare. Spero davvero che non lo sapesse, non voglio credere che non riesca a rispettare una tragedia familiare.Ma ripeto: non ho mai avuto il piacere di parlare col signor Renzi.A dicembre ci hanno detto di stare tranquilli, che qualcosa si stava muovendo. Poi più nulla. Ora ci dicono che sarebbe morto a gennaio. Noi l’abbiamo saputo solo giovedì. Tutto qui. Non so nient’altro su quello che è successo. Solo che mi sembra impossibile che l’uomo più potente del mondo non ne fosse a conoscenza. E che non ne abbia parlato con il nostro presidente del Consiglio. A questo punto non è importante. Quel che è fatto, è fatto: mio figlio non tornerà indietro. Spero solo che riportino a casa il suo corpo”.

A quest’ultimo proposito, “pare che l’abbiano riconosciuto attraverso il dna. Quindi – ha sottolineato Vito Lo Porto- dovranno pur avere qualcosa di suo. Per il resto, ripeto, io non so niente. Ho solo domande. Come hanno ottenuto questo dna? Cosa rimane di mio figlio? Hanno il suo corpo? Il presidente degli Stati Uniti si è impegnato solennemente a far tornare la sua salma in Italia. Io gli chiedo solo questo, non voglio altro. Abbiamo ascoltato le sue scuse, le accettiamo. Ora ci restituiscano il suo corpo. Non vogliamo soldi, risarcimenti o altro. Facciano tornare Giancarlo.In ogni modo, anche a pezzi. Voglio solo piangere su quello che rimane di mio figlio”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su