Header Top
Logo
Venerdì 26 Maggio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Salvini, radere al suolo campi rom. Boldrini replica, inquietante

colonna Sinistra
Mercoledì 8 aprile 2015 - 18:39

Salvini, radere al suolo campi rom. Boldrini replica, inquietante

Scontro leader LN-presidente Camera nella Giornata di Rom e Sinti
20150408_183928_E511BC05

Roma, 8 apr. (askanews) – Duro botta e risposta oggi sui campi rom tra il leader della Lega Nord Matteo Salvini e la presidente della Camera Laura Boldrini. Un confronto che non casualmente si è sviluppato durante la celebrazione della Giornata internazionale dei Rom e Sinti. Per un Salvini che ha proposto di “radere al suolo” i campi c’è la Boldrini che ha trovato “inquietante” l’espressione usata dalla guida del Carroccio.

E’ di tutta evidenza come il concetto espresso da Salvini non sia affatto nuovo ma le parole usate oggi – oggettivamente forti – si inseriscono nell’ormai avviata campagna elettorale per le prossime elezioni regionali, dove la Lega Nord tenta di proporsi quale principale punto di riferimento della destra italiana. Così come anche le reazioni (Boldrini a parte) scontano il clima elettorale sempre più arroventato.

“Cosa farei io al posto di Alfano e di Renzi? Con un preavviso di sfratto di sei mesi raderei al suolo i campi rom”, ha detto Salvini aggiungendo di essere pronto a dare “un preavviso di sfratto di sei mesi e preannuncio la ruspa”. E i rom “come tutti gli altri cittadini, si organizzano, comprano o affittano una casa”. Salvini ha ricordato che i campi “in Europa non esistono”.

Immediata la replica di Boldrini che incontrando i rappresentanti della Associazione 21 luglio ha detto di “trovare abbastanza inquietante questo verbo ‘radere'”. Certo, ha aggiunto, “ritengo che i campi rom non debbano essere mantenuti, però ci devono essere soluzioni abitative alternative”. Eliminare i campi, ha detto ancora, “non vuole dire annientare chi vi abita”.

Non si è fatta attendere la controreplica di Salvini che si è detto “stupito dello stupore dei giornali. Lo dico da tempo. Radere al suolo avendo garantito diritti e doveri – ha affermato – può inquietare la signora Boldrini ma non il 95% degli italiani compresi i rom per bene che pagano le tasse”. Riguardo la proposta di adottare “politiche abitative ad hoc”, è una “follia – ha osservato il leader leghista – non le abbiamo abbiamo per i bergamaschi, figuriamoci per i rom. E’ inquietante che la Boldrini sia la presidente della Camera”.

Ma, ha chiesto retorico Salvini su facebook, “i sinistri che mi insultano e difendono i loro amici Rom, lo prendono l’autobus, vanno al mercato, vivono vicino a un campo? ‘Buoni’ a spese degli altri, avete rotto le palle”.

Per Khalid Chaouki, Pd, coordinatore intergruppo immigrazione, “la gestione dei Rom va certamente affrontata di petto e con determinazione, a partire dalla tutela dei minori dallo sfruttamento e dalla chiusura dei vergognosi campi-ghetto, simbolo del fallimento trasversale delle politiche sui Rom in questi anni soprattutto nella Capitale”. Ma “alzare i toni e alimentare un clima di odio e intolleranza serve solo a nascondere le colpe dei veri responsabili che, negli anni del cattivismo dell’ex ministro Maroni, hanno speculato sull’emergenza senza risolvere alcunché”. Sulla stessa lunghezza d’onda Ileana Argentin, Pd: “Anche io raderei al suolo i campi rom, ma per ripartire con politiche efficaci in grado di realizzare l’integrazione e favorire la convivenza. Invece di minacciare ruspe e avvisi di sfratto – ha aggiunto – Salvini faccia proposte serie da affrontare nelle sedi opportune. Questi slogan cari solo al suo elettorato sono un’inutile provocazione”. Per il capogruppo di Sel a Montecitorio Arturo Scotto “Salvini ormai ne spara una dietro l’altra, ma i suoi bersagli sono sempre gli stessi: nomadi, immigrati, gay. Salvini incarna l’archetipo del razzista nostrano sempre pronto a prendersela con i più deboli”.

Infine Dijana Pavlovic, portavoce della Consulta Rom e Sinti, ha spiegato che “i campi non li abbiamo inventati noi, ma loro, c’è una legge della Regione Lombardia al riguardo. Non capisco come Salvini, dopo anni di governo, possa avere un’idea così stupida”. “Mandarci via con le ruspe? – ha aggiunto – devono solo provarci”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su