Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Lazio, “sistema per l’ecosistema”: progetto parchi-università-onlus

colonna Sinistra
Martedì 27 gennaio 2015 - 18:37

Lazio, “sistema per l’ecosistema”: progetto parchi-università-onlus

Avviato un progetto di servizi per salvaguardia e valorizzazione del territorio naturale
20150127_183720_CA17ACDD

Roma, 27 gen. (askanews) – Più ossigeno per il Lazio: è partito un progetto basato sulla salvaguardia del territorio della Riserva naturale del lago di Vico, appartenente al sistema delle aree protette della Regione. Circa 60 ettari di bosco di proprietà della Riserva, in provincia di Viterbo, saranno pienamente tutelati, non solo per la loro capacità di immagazzinare l’anidride carbonica, ma più in generale, per valorizzare le funzioni svolte dall’ambiente (gli ecosistemi) per l’uomo: con la produzione di ossigeno, acqua, biodiversità e poi ancora bellezza del paesaggio, risorse naturali. Molto spesso, quando beviamo dal rubinetto di casa, sappiamo a stento che quell’acqua costa circa un millesimo di euro al litro, che paghiamo alla società che la distribuisce. Non ci domandiamo da dove arriva: ovviamente dalle sorgenti, dalla natura! Che non paghiamo, che ci offre dei servizi gratuiti. Sono i servizi eco sistemici, che ci fanno bere e respirare e che forniscono tutti gli elementi di base al benessere delle nostre vite. Tutto deriva da lì, compresi gli oggetti più tecnologici. Su questi temi ancora manca, però, una consapevolezza diffusa, ed è perciò anche questo uno degli obiettivi del progetto: promuovere con i fatti la divulgazione di concetti elementari e vitali.Il progetto rappresenta un vero “sistema per l’ecosistema”: oltre alla Riserva di Vico, partecipano infatti il parco Valle del Treja (un parco regionale del Lazio, posto a cavallo tra le province di Roma e Viterbo) e il Cursa, Consorzio Universitario per la Ricerca Socioeconomica e per l’Ambiente, che si avvale delle competenze e professionalità dei suoi fondatori – Università del Molise, Università della Tuscia, Università di Ferrara e Istituto Di Ricerca sull’Ambiente (IDRA) – e opera al fine di promuovere il raccordo tra ricerca teorica e applicata nell’ambito della gestione e della governance ambientale. Il progetto sarà finanziato dall’associazione Phoresta. Una Onlus no-profit, fondata da professionisti italiani al fine di promuovere la gestione e la conservazione sostenibile delle risorse forestali e di progettare attività di tutela e valorizzazione dei servizi ecosistemici. L’associazione ha sede a Milano e si basa su un azionariato diffuso per la raccolta di fondi per fini ambientali.Il Consorzio Universitario racchiude in sé le esperienze della ricerca più avanzata in campo ambientale: i ricercatori di punta sui temi dei servizi ecosistemici in Italia, i docenti più accreditati per esercitare un controllo scientifico sul lavoro svolto, su cui avere garanzie di rigore e affidabilità. Le università che partecipano al progetto forniscono quindi la sua validazione culturale, assicurandone la concreta realizzabilità.Nel contempo i parchi coinvolti nel progetto offriranno tutto un patrimonio di conoscenza sull’ambiente, in generale e specifico sul proprio territorio, organizzando incontri, visite guidate, giornate di studio, esperienze sul campo, e approfondendo la declinazione operativa del concetto di sostenibilità, di impronta ecologica, di rete ecologica, di biodiversità? Queste iniziative saranno aperte a tutti coloro che a vario titolo partecipano al progetto.La condizione di base per il progetto è che le aree boscate non siano sottoposte a utilizzazione forestale nell’arco dei prossimi cinque anni. Ma si tratta di molto di più: assicurare una tutela attiva, con una gestione forestale attenta e conservativa che possa massimizzare il concreto significato ecologico del bosco, in termini ambientali, culturali ed economici. Infatti i soldi raccolti da Phoresta saranno utilizzati per dare attuazione al progetto e dimostrare – nei fatti – che una buona pratica che preveda l’intangibilità dei boschi, fino alla tutela di ogni singolo albero, può portare benefici per tutti, dal paesaggio inteso come bene collettivo, ai vantaggi economici per i proprietari della aree.”In pratica il progetto è messo in piedi da persone che mostrano tutte una spiccata sensibilità per i temi ambientali e attuano azioni concrete per la loro valorizzazione e salvaguardia’ – afferma con soddisfazione il presidente di Phoresta, Carlo Manicardi, che aggiunge – vogliamo fornire un esempio di quanto sia importante e vantaggioso proteggere l’acqua, l’aria, piante e animali. Tutte cose che rappresentano i presupposti della nostra presenza sulla Terra”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su