Header Top
Logo
Sabato 25 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Shoah, Renzi: attenzione all’oblio e all’acquiescienza

colonna Sinistra
Lunedì 26 gennaio 2015 - 12:24

Shoah, Renzi: attenzione all’oblio e all’acquiescienza

Dimenticare è la peggiore delle profanazioni
20150126_122439_090A8A63

Roma, 26 gen. (askanews) – “Sono passati settant’anni da allora. I testimoni diretti sono pochi, il pericolo vero è che, scomparso questo baluardo di memoria, su quanto avvenuto cada il velo dell’oblio o peggio dell’acquiescienza”. Sono parole tratte dalla prefazione scritta da Matteo Renzi alla biografia di Nedo Fiano, “A5405, Il coraggio di vivere”, allegato alle due riviste della Periodici San Paolo Famiglia Cristiana e Credere.

Renzi, viene ricordato, ha conosciuto bene Fiano, che ha anche accompagnato ad Auschwitz nei “viaggi della memoria” insieme ai ragazzi della città di Firenze, al tempo in cui era sindaco. “Fiano racconta con ritmo inesorabile – ha scritto Renzi – la vita normale di un giovane fiorentino, il padre addirittura iscritto al Partito fascista, poi le leggi razziali apprese da un articolo di giornale, la cacciata da scuola, la paura, l’additamento come paria dai vicini di casa, lo sfiorire della dignità dai volti dei genitori, la fuga, l’arresto, la prigionia e infine la deportazione”.

Renzi ha concluso sostenendo che Auschwitz “fa parte della nostra storia. Una storia che non si può profanare. E dimenticare è la peggiore delle profanazioni”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su