Header Top
Logo
Giovedì 30 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Di Battista (M5s): Renzi provoca su Colle per spostare attenzione

colonna Sinistra
Sabato 17 gennaio 2015 - 12:36

Di Battista (M5s): Renzi provoca su Colle per spostare attenzione

"Non partecipiamo a toto-nomi inutile, coinvolgeremo i cittadini"
20150117_123557_2664E230

Roma, 17 gen. (askanews) – “Dopo un momento di difficoltà, il Movimento 5 stelle è in crescita. Oggi nei sondaggi, anche per una serie di scelte fatte nell’ultimo mese, siamo più forti rispetto alle elezioni europee. Ogni qualvolta siamo forti, abbiamo fatto delle battaglie importanti tipo il ‘salvaBerlusconi’, fa gioco al presidente del Consiglio provare a spostare l’attenzione provocando, parlare di altro mentre noi vogliamo parlare di tematiche importanti per i cittadini”. E’ quanto dichiara Alessandro Di Battista, deputato e componente del direttorio del Movimento 5 Stelle, intervenendo al programma “Lavori in corso” su Radio Radio, commentando le affermazioni di ieri del premier Matteo Renzi alla Direzione del Pd, in merito al poissibile coinvolgimento di M5s per l’elezione del nuovo presidente della Repubblica.

“Al toto-nomi inutile, che in questa fase sembra un grande fratello del quirinale, il Movimento 5 Stelle non partecipa – aggiunge Di Battista -. Noi preferiamo parlare di Mafia Capitale, Corruzione e reddito di Cittadinanza temi che interessano agli italiani”. “In questa fase qualsiasi nome si fa, viene bruciato – rimarca il parlamentare -. Questo gioco del bruciare nomi non c’interessa, perché non siamo qui per bruciare nomi. Vorrei invece iniziare ad individuare un profilo per il prossimo Presidente della Repubblica. Io da cittadino, prima che da parlamentare, gradirei un Presidente che non “votasse” (firmasse) indecenti leggi ad personam come ha fatto Napolitano: il lodo Alfano, il legittimo impedimento o la legge Fornero. Un Presidente che tuteli le opposizioni”.

“In questi giorni in transatlantico sembra il mercato del pesce, ognuno dice qualcosa: un po’ come un bar dello sport dopo Lazio-Roma. Io non do peso a nulla perché manca un tempo biblico all’elezione del Presidente della Repubblica”, sottolinea ancora Di Battista, che sull’ipotesi di ripetere l’esperienza delle “quirinarie”, come avvenuto nel 2013, non si sbilancia: “Troveremo un modo per consultare i cittadini su questo tema”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su