Header Top
Logo
Martedì 27 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Grillo attacca ancora Renzi: “Berlusconi lo tiene per le palle”

colonna Sinistra
Mercoledì 7 gennaio 2015 - 16:13

Grillo attacca ancora Renzi: “Berlusconi lo tiene per le palle”

"Senza di lui governo cade in una settimana, premier burattino"
20150107_161316_13FB70D5

Roma, 7 gen. (askanews) – “La politica del burattino Renzie che oltre a mantenere le promesse fatte a Bruxelles è tenuto per le palle da Berlusconi senza il quale il suo governo non durerebbe una settimana, è quella di garantire i creditori e farlo sembrando di sinistra e contando balle è plus facile”. E’ il nuovo attacco di Beppe Grillo, tramite il suo blog, al premier Matteo Renzi e al suo governo.

“I nostri creditori internazionali, in sostanza coloro che hanno comprato i nostri titoli pubblici, di cui detengono il 35% pari a circa 700 miliardi, di cui 156 miliardi di euro in mano a Germania, Francia, Bce e istituzioni finanziarie europee, li vogliono indietro senza fare sconti, senza mettere mano a una distribuzione del debito derivante dall’introduzione degli eurobond o dall’eliminazione del fiscal compact o dall’uscita dall’euro. Per pagare i creditori – scrive il blog di Grillo- l’unica possibilità è la svalutazione del lavoro interno, trasformando gli italiani in schiavi moderni, e l’azzeramento dei diritti dei lavoratori e delle garanzie sociali”.

“Prima di tutto – attacca il blog di Grillo- bisognava parlare di “riforme” per far inghiottire il rospo E fummo contenti per questa ventata d’aria nuova Poi bisognava annullare il Senato elettivo E fummo felici perché tutto sarebbe stato più veloce Poi era necessario annullare il Parlamento a botte di decreti, alcuni neppure scritti E esultammo per il decisionismo del Governo Poi ci accorgemmo che nei decreti venivano annullati i diritti dei lavoratori Ma ci spiegarono che era per far ripartire l’economia l’articolo 18 in cambio di investimenti era un baratto che non si poteva rifiutare Poi vennero la disoccupazione più alta d’Europa e capimmo che eravamo una nazione di bamboccioni poi le tasse più alte d’Europa ma ce le meritavamo in quanto evasori Le partite Iva vennero massacrate ma era giusto così, avrebbero dovuto trovarsi un lavoro dipendente o emigrare, come tutti gli altri Poi vennero a prendere gli extracomunitari E fummo deliziati perché rubavano il lavoro agli italiani (anche se di lavoro non ce n’era più). Infine per far quadrare i conti rimanevano solo tre categorie di spesa, in effetti le più costose per lo Stato”.

“Si trattava – prosegue il blog- prima di demonizzarle e poi spolparle, un esercizio renziano già sperimentato con successo Si alzò quindi l’età pensionabile fino a 70, poi 75, poi 80 anni, tutte pensioni d’oro sopra i 2000 euro e nessuno disse nulla, i vecchi non avevano pagato tutti i contributi, che volevano? Poi si attaccarono gli sprechi della Sanità, esercizio facile facile in quanto infiltrata e corrotta in gran parte dai partiti in ogni Regione, per fare tagli lineari, si chiusero ospedali e nessuno fece un fiato In ultimo vennero licenziati in massa i dipendenti pubblici additati come lazzaroni con una preventiva campagna d’odio che li contrapponeva ai privati E tutti vissero infine miserabili e contenti”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su