Header Top
Logo
Giovedì 23 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Speranza: Jobs act si può cambiare, Parlamento non è passacarte

colonna Sinistra
Lunedì 3 novembre 2014 - 09:33

Speranza: Jobs act si può cambiare, Parlamento non è passacarte

"A Renzi non serve prova di forza, costruire un ponte con piazze"
20141103_093339_C9C76DF9

Roma, 3 nov. (TMNews) – Il Jobs act va cambiato, andando incontro alle rivendicazioni del sindacato e dei lavoratori che sono scesi in piazza. E’ la posizione espressa dal capogruppo del Pd alla Camera, Roberto Speranza, in una intervista a Repubblica. “Il Parlamento non può essere ridotto a passacarte. L’ho già detto alla direzione del partito”, ha sottolineato.

“La commissione Lavoro della Camera – ha proseguito – è impegnata in una discussione seria, approfondita sul testo. Secondo me, ci sono tutte le condizioni per uno scatto in avanti”. Si può fare, ha spiegato Speranza, “costruendo un ponte fra le istanze che in questi giorni stanno arrivando dalle piazze, dalla società, e le decisioni del governo che, legittimamente, vuol modificare alcune regole del mercato del lavoro”.

A giudizio di Speranza Renzi “non ha bisogno di nessuna prova di forza. E’ il segretario del partito legittimato dalle primarie. E Palazzo Chigi ce l’ha mandato il Pd, che l’ha votato in direzione, me compreso. Sbaglia chi dice che sta al governo per volontà dei poteri forti. Renzi fa il premier perché lo ha voluto lì il Partito democratico”.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su