Header Top
Logo
Martedì 25 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mafia: Gratteri, da 30 anni al Nord e dove si fanno grandi opere

colonna Sinistra
Giovedì 22 maggio 2014 - 14:25

Mafia: Gratteri, da 30 anni al Nord e dove si fanno grandi opere

(ASCA) – Roma, 22 mag 2014 – Nonostante la cecita’ delleistituzioni le mafie sono uscite dai confini del sud Italia”da 30 anni”, approdando dove si realizzano progetti”prestigiosi”, quali l’Expo di Milano, senza che cio’ debbacomportare la rinuncia a realizzarli poiche’ cio’significherebbe ”il fallimento dell’idea stessa di Stato”.

Questo il ragionamento che il procuratore aggiunto diReggio Calabria, Nicola Gratteri, ha espresso ai microfonidella trasmissione ‘Prima di tutto’, su Radio 1, in meritoalle inchieste della magistratura sulle infiltrazioni mafiosenegli appalti per le grandi opere, e in particolare per Expo2015. ”Sono 25 anni che urlo che il problema non e’ laCalabria, la Puglia, la Campania, la Sicilia: le mafie stannodominando l’Italia e l’Europa. Anzi, stanno colonizzandol’Europa. Non c’e’ niente di nuovo. Sono 40 anni chen’drangheta e’ presente in Piemonte, da 30 in Lombardia”, hapremesso Gratteri. ”Eppure – ha proseguito – quattro anni fa, il prefetto diMilano ha detto: ‘dov’e’ la n’dragheta, fatemela vedere’. Ilsindaco di Milano ha detto, sempre quattro anni fa: ‘qui nonc’e’ la n’drangheta’. E dopo 20 giorni abbiamo arrestato 300persone. Per anni – ha sottolineato il magistrato – gliuomini delle istituzioni hanno negato l’esistenza delproblema; almeno adesso hanno il pudore di stare zitti. Ilproblema dunque e’ questo: gli uomini delle istituzioni nonammettono l’evidenza, non dicono ‘il Re e’ nudo”’.

”Prima che si iniziassero i lavori per Expo, prima che siiniziasse la Torino-Lione – ha continuato Gratteri – io hodetto: le mafie sono li’ dove c’e’ da gestire denaro epotere. Non e’ possibile che in operazioni cosi’ grosse,’prestigiose’, dove ci sono soldi e potere, non si annidinole mafie. Non e’ solo un fatto economico, e’ unadimostrazione di forza da parte delle organizzazionicriminali essere presenti nelle grandi opere che dovrebberoessere, usiamo il condizionale, la vetrina dell’Italia nelmondo”, ha sottolineato il magistrato. com-stt/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su