Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Martina, su quella Senato c’e’ sindrome tacchino. Ma fiducioso

colonna Sinistra
Mercoledì 7 maggio 2014 - 17:07

Riforme: Martina, su quella Senato c’e’ sindrome tacchino. Ma fiducioso

(ASCA) – Roma, 7 mag 2014 – Nel processo di riforma delSenato ”c’e’ un po’ di sindrome del tacchino”,ciononostante ”sono fiducioso” sul successodell’iniziativa.

Cosi’ si e’ espresso il ministro dell’Agricoltura,Maurizio Martina, in diretta su Radio 24 dal Cibus di Parma.

”Io sto al punto fondamentale ma straordinariamenteimportante. Noi dobbiamo riformare le istituzioni, prima lofacciamo meglio e’ per l’Italia”, ha premesso Martina.

Interpellato sul peso della cosiddetta ‘sindrome deltacchino’, cioe’, nel caso specifico, del Senato che si trovaad abolire se stesso, il titolare del Mipaaf riconosce chec’e’ ”un po’ di sindrome del tacchino si’, ma lo dicono lorostessi. Capisco anche il punto di vista di chi dal Senatodeve lavorare su quella camera, ma sono fiducioso, penso cheinsieme si possa fare un bel lavoro”.

Martina ha sottolineato che ”ci sono senatori che hannoanche regalato al premier la spilletta del tacchino. E’chiaro – ha aggiunto – che e’ una discussione non semplice,ma e’ chiaro anche che c’e’ una determinazione ad arrivare aldunque questa volta che fa la differenza. Spero chequest’agenda sia mantenuta, che il Senato possa discutere dicome si fa un’operazione fondamentale per l’Italia che e’superare il sistema bicamerale. Naturalmente bisogna farlobene, quindi la discussione ci sta”, ha concluso ilMinistro.

com-stt/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su