Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Nomine: Rughetti (Pd), governo misuri risultati prima di decidere

colonna Sinistra
Sabato 1 febbraio 2014 - 12:16

Nomine: Rughetti (Pd), governo misuri risultati prima di decidere

(ASCA) – Roma, 1 feb – ”Giornali e Tv si stanno occupandodai giorni dei rinnovi dei CdA delle aziende controllate opartecipate dallo Stato. Un evento di un certo rilievo se sivalutano dipendenti, fatturato, servizi pubblici erogati,patrimonio, risparmiatori e cittadini utenti che sonocoinvolti. La prassi vuole che la procedura di rinnovoavvenga nelle secrete stanze di alcuni ministeri e di alcunisalotti buoni: i soliti. Penso che questa prassi siasbagliata”. E’ quanto scrive sul suo blog il deputato del Pd Angelo Rughetti.

”E’ invece utile fare queste scelte che legittimamentespettano al Governo – spiega Rughetti – alla luce del sole eseguendo dei criteri oggettivi. Sarebbe auspicabile dare unincarico ad una agenzia indipendente di valutare ilpatrimonio netto di queste aziende al 31 dicembre 2013 econfrontarlo con il valore che avevano ad inizio mandato.

Alla stessa agenzia sarebbe utile chiedere se le aziendeabbiano assunto decisioni in conflitto di interessi edeventualmente segnalarle. Queste due informazioni dovrebberoessere messe a disposizione di una commissione composta da 2rappresentanti del Governo, 2 rappresentanti delleCommissioni Bilancio di Camera e Senato e 3 rappresentantidei consumatori per valutare l’operato che dovrebbe esserereso pubblico e messo a disposizione del Governo per deciderese confermare o cambiare gli amministratori. La stessaagenzia indipendente e la stessa commissione potrebberoessere coinvolte per la valutazione dei curriculum di coloroche si candidano a ricoprire gli incarichi nei CDA daraccogliere previa chiamata pubblica entro un terminestabilito”.

”Infine – chiude il deputato democratico – penso chesarebbe utile mettere un limite temporale ai rinnovi degliincarichi perche’ se e’ corretto che i sindaci non possonoricandidarsi per il terzo mandato, se e’ auspicabile cheanche per i parlamentari vi sia un limite di mandati, pensoche questo sia necessario per manager pubblici che gestisconocentinaia milioni di euro di fatturato”.

com-sgr/mar

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su