Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Riforme: Di Pietro, subito legge elettorale e poi voto

colonna Sinistra
Giovedì 2 gennaio 2014 - 13:56

Riforme: Di Pietro, subito legge elettorale e poi voto

(ASCA) – Roma, 2 gen 2014 – ”Oggi tutti parlano di grandiriforme ma sento in giro tanti buoni propositi dei nostrigovernanti e pochi fatti. Un altro anno e’ passato e nessunoha visto niente di concreto sotto il sole, solo un disastrosociale ed economico che pesa sulle spalle della povera gentee che toglie la speranza in un futuro migliore”. E’ quantoscrive sul suo blog il presidente dell’Italia dei Valori,Antonio Di Pietro, che aggiunge: ”La verita’ e’ sotto gliocchi di tutti: la classe media e’ diventata povera e glispeculatori, gli evasori, i corrotti hanno aumentato i loroprofitti. Insomma, non e’ stato un buon anno e mi auguro chequello che verra’ possa ribaltare lo stato dei fatti. Non e’servito a nulla smantellare lo stato sociale con riformeinique, come quelle dell’ex ministro Fornero e dell’exPremier Monti, ne’ e’ giovato a nulla mettere insieme cani egatti per dar vita ad un Governo che si riempie la bocca diannunci e poi non e’ conseguente e rimane ancorato al suoimmobilismo, dovuto sia all’incapacita’ sia a veti incrociatidelle forze politiche in gioco”. ”Ribadisco: l’unica riforma che occorre e’ una seriamodifica delle legge elettorale – prosegue Di Pietro – perfare in modo che in Parlamento entrino persone realmenterappresentative e che siano veri portavoce dei cittadini enon i soliti nominati delle segreterie di partito o gentesenza arte ne’ parte che risponde solo al padrone di turno.

Temo purtroppo che questi signori non vogliano lasciare loscranno pertanto allungheranno i tempi dell’esame dellariforma della legge elettorale all’infinito, perche’ sannoche per loro potrebbe essere l’ultimo giro di giostra. Lanostra democrazia soffre, le nostre Istituzioni sonocompromesse, serve un grande cambiamento ma che parta dalbasso. Non dobbiamo arrenderci, dobbiamo pretendere eriappropriarci dei nostri diritti. La storia ha i suoi cicli,ma i cambiamenti possono arrivare solo se c’e’ laconsapevolezza del proprio potere e il diritto di voto e discelta dei rappresentanti sono elementi essenziali in unsistema democratico. Quindi, un appello accorato che facciamoal Parlamento e’ quello di restituirci la democrazia,pertanto di concentrarsi sull’unica riforma che da’sovranita’ ai cittadini. ”Occorre cambiare la leggeelettorale e poi tutti a casa – conclude Di Pietro – questiSignori devono smetterla di scaldare le poltrone, il popoloha fame. Buon Anno a tutti”. com-ceg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su