Header Top
Logo
Martedì 25 Aprile 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: governo pone questione fiducia. ”Meno tasse e piu’ crescita”

colonna Sinistra
Martedì 26 novembre 2013 - 16:51

Legge stabilita’: governo pone questione fiducia. ”Meno tasse e piu’ crescita”

(ASCA) – Roma, 26 nov – Il governo pone la questione di fiducia sull’emendamento interamente sostitutivo della legge di stabilita’. A porre la questione di fiducia nell’Aula del Senato il ministro dei Rapporti con il parlamento, Dario Franceschini. Il voto di fiducia e’ ”occasione di un chiaro, trasparente e spero sereno confronto tra le forze politiche sul rapporto fiduciario del governo con il Parlamento”, ha dichiarato Franceschini. ”La legge di stabilita’ approda oggi in Aula con il maxiemendamento sul quale e’ stata posta la questione di fiducia. Il testo recepisce il lavoro di tre settimane della Commissione Bilancio conclusosi alle tre di questa mattina, purtroppo senza mandato al relatore, in virtu’ del ritardo conseguente alle vicende politiche degli ultimi giorni e all’ostruzionismo della Lega”, afferma da parte sua il sottosegretario, Giovanni Legnini, incaricato dalla presidenza del Consiglio di seguire l’iter parlamentare della manovra. ”Pur tuttavia – spiega Legnini – il lavoro svolto ha consentito di apportare modifiche rilevanti al testo originario e miglioramenti significativi. Un nuovo corposo sistema di garanzie pubbliche per l’accesso al credito delle Pmi, la concentrazione della riduzione delle imposte sul lavoro per i redditi sotto i 32 mila euro, l’aumento del fondo per la non autosufficienza, il ripristino delle risorse per l’autotrasporto, la costituzione di un fondo di contrasto alla poverta’ finanziato con il prelievo sulle pensioni d’oro, interventi per le calamita’ naturali finanziati in parte con i fondi tagliati ai partiti, l’eliminazione degli interessi di mora sulle cartelle Equitalia arretrate, la riscrittura delle norme sulla fiscalita’ locale immobiliare che consentira’ di esentare o pagare meno sulla prima casa e aumentare le detrazioni per gli immobili produttivi”. ”Queste – conclude il sottosegretario – le principali misure introdotte durante la lettura del Senato a cui si aggiungono diverse altre disposizioni migliorative. Meno tasse e piu’ risorse per la crescita, questa la sintesi raggiunta dopo un faticoso ma positivo lavoro”. int/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su