Header Top
Logo
Martedì 28 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Poverta’: card. Maradiaga, non si riduce solo con misure monetarie

colonna Sinistra
Venerdì 22 novembre 2013 - 12:08

Poverta’: card. Maradiaga, non si riduce solo con misure monetarie

(ASCA) – Verona, 22 nov – ”Siamo a due anni dal ”Millenniumgoals’ ma la poverta’ non e’ stata dimezzata come si eraauspicato. D’altra parte la poverta’ non si puo’ ridurre solocon misure monetarie, non e’ una questione che riguarda soloil reddito perche’ questo non puo’ riassumere la somma totaledella vita umana”.

Cosi’ il card. Oscar Andres Rodriguez Maradiaga, dopo ilvideomessaggio di papa Francesco, ha iniziato suo interventoieri sera in apertura del 3* Festival della Dottrina Socialein corso a Verona sul tema ”- disuguaglianze, +differenze”.

”Il Fondo monetario internazionale – ha proseguito ilcardinale – dice che lo sviluppo e’ sostenibile in base acifre economiche. Ma l’essere umano non e’ una cifra,dov’e”? Lo sviluppo non puo’ essere solo crescita economicama deve rispondere alla domanda di una vita integraledignitosa per ogni uomo in ogni luogo”. Si tratta, ad avviso del card. Mariadaga, di realizzarequella giustizia sociale ”che risponde a tre valoriirrinunciabili per la persona umana: mantenimento della vita,stima e liberta”’.

In questa prospettiva ”la dottrina sociale della Chiesaricorda che la giustizia sociale si realizza tenendo contodella dimensione strutturale dei problemi” e operando per laloro soluzione che deve venire da ”un permanente e fortelegame tra la dimensione etica e la dimensione tecnicadell’economia”.

Intervenendo sul tema dell’austerita’, di stretta attualita’in Europa, ha dichiarato: ”Austerita’ non e’ in se stessauna cosa cattiva ma oggi, per l’interpretazione che ne vienefatta in ambiti politici ed economici, e’ diventata e’ unaparolaccia.” In effetti ”le misure di austerita’ hannoprovocato un’accelerazione della disuguaglianza con unaumento della poverta”’. Anche a questo riguardo la dottrinasociale della Chiesa indica ”la direzione e i contenuti”della crescita. Il cardinale ha parlato anche dei problemi dell’AmericaLatina, sottolineando che in questa realta’ ”non si parlapiu’ del prodotto interno lordo, ma di prodotto internocriminale e questo e’ triste.” A proposito dell’agire dellaChiesa, il cardinale ha affermato che essa ”nella societa’plurale deve rendere testimonianza a Gesu’ Cristoannunciandolo come speranza.” Quindi ”evangelizzare losviluppo umano e’ la grande sfida della Chiesa.” Perconcretizzare questo impegno ”le associazioni sonofondamentali” e la loro presenza al Festival e’ un segnomolto eloquente della responsabilita’ che esse si assumonooggi nella societa’.

Non e’ mancato un riferimento alla complementarieta’ traetica ed economia; al riguardo il cardinale ha richiamatol’esigenza di ”riaffermare che la morale e’ partecostitutiva della vita economica” e ”non basta che crescail Pil che e’ fondato sulle cifre. Lo sviluppo, infatti, nonpuo’ essere solo sostenibile, deve essere umano esostenibile. Solo uno sviluppo umano sostenibile ed equogarantisce il progresso dei popoli e la crescita umana dellapersona”. Infine un appello: ”Siamo qui come credenti: dobbiamoesercitare la ragione e non essere mai passivi. Dobbiamoandare avanti con la liberta’ e con la forza che ci vienedalla fede nel Cristo morto e risorto”.

fdm/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su