Header Top
Logo
Venerdì 24 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Piemonte: Pichetto sui rimborsi facili, 43 criminali? Non ci credo

colonna Sinistra
Venerdì 22 novembre 2013 - 17:16

Piemonte: Pichetto sui rimborsi facili, 43 criminali? Non ci credo

(ASCA) – Torino, 22 nov – Un’inchiesta sovradimensionatarispetto a quanto e’ davvero accaduto in Piemonte e i suoisviluppi lo confermeranno. E’ questa l’opinione di GilbertoPichetto, vicepresidente della giunta regionale del Piemontee assessore al Bilancio, estraneo all’inchiesta sui rimborsifacili ai consiglieri (43 indagati), entrato in giuntasoltanto dopo le ultime elezioni politiche, mentre i fatticontestati al consiglio regionale si riferiscono al periodo2010-2012. ”Il Consiglio regionale e’ lo specchio del paese – dicein colloquio con l’Asca – e se il dieci per cento deicittadini sono ladri acclarati, non credo che questapercentuale possa essere superiore nell’assemblea regionale.

Sono convinto che la maggior parte dei consiglieri regionalinon abbia commesso reati. Se si accertera’ poi che questespese non erano deducibili le rifonderanno ma e’ una cosadiversa da un reato penale, caratterizzato da uncomportamento doloso, dalla volonta’ di commettere uncrimine”. ”Non credo che ci siano stati consiglieri che avesserointenzione di truffare la Regione, questa e’ la questione”osserva ancora Pichetto. Certo, ammette l’assessore,esponente di punta della giunta Cota, emerge qualche problemadi opportunita’, ”io da quanto leggo sui giornali, certespese non le avrei fatte, ma non voglio fare il giudice dinessuno”. Si faccia attenzione pero’ a criminalizzare tuttal’assemblea regionale, avverte Pichetto ”dalla Regionedipende il 10% del pil piemontese e 65mila dipendenti, non sipuo’ scherzare su questa cosa. Io dico – aggiunge Pichetto -che e’ giusto che la giustizia faccia il suo corso, chefaccia le sue verifiche, non contesto la procedura e nonsono in grado di giudicare se le tecniche di difesa sonostate adeguate, ma mi rifiuto di pensare che 43 consiglieri,che io conosco quasi tutti, abbiano commesso un reato”.

Pichetto interviene anche sull’autodifesa del governatoreCota ”non poteva fare altro, e difendendo se stesso – haconcluso – ha difeso la Regione e tutti i consiglieri”.

eg/mau

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su