Header Top
Logo
Martedì 25 Luglio 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Mafia: Fondazione Caponnetto presenta proposte contrasto criminalita’

colonna Sinistra
Giovedì 21 novembre 2013 - 16:27

Mafia: Fondazione Caponnetto presenta proposte contrasto criminalita’

(ASCA) – Roma, 21 nov – Istituzione del reato diautoriciclaggio, una normativa sugli appalti piu’ efficace diquella esistente, un utilizzo piu’ veloce dei beniconfiscati, rafforzamento della Direzione InvestigativaAntimafia, modifica dell’art. 416 bis per tutta lacriminalita’ organizzata, maggiori tutele per i testimoni digiustizia e dei cittadini oggetto di usura. Sono questealcune delle proposte ”Per un’antimafia del giorno prima”,illustrate oggi dalla Fondazione Antonino Caponnetto a Romanel corso di una conferenza stampa che si e’ svolta nellasala stampa della Camera a cui hanno partecipato il deputatodel PD Federico Gelli, membro dell’ufficio di presidenzadella Fondazione Caponnetto, il presidente della FondazioneSalvatore Calleri e la presidente della Commissioneparlamentare sul fenomeno delle mafie Rosy Bindi. ”Per quanto riguarda queste proposte – ha spiegato Gelli- il mio impegno sara’ quello di tradurle in formalegislativa per trovare pieno accoglimento anche dal lavorodella Commissione Antimafia e dalla sua presidente”. Nellalotta alla mafia, ha aggiunto, ”il ruolodell’associazionismo e delle organizzazioni di volontariato,la cosiddetta antimafia sociale rappresenta un cardinefondamentale nella lotta alle mafie. Questo perche’ ilcrimine organizzato non si combatte solo con la magistraturae le forze dell’ordine ma anche con i cittadini e il loroimpegno per la legalita’. ”Riteniamo che oggi la mafia sia il principale problema delnostro paese – ha aggiunto Salvatore Calleri presidente dellaFondazione Caponnetto – con un fatturato che raggiunge i 200miliardi di euro in Italia e le nostre sono proposte concreteper combattere meglio e con piu’ efficacia i fenomeni mafiosie di criminalita’ organizzata”. Tra le altre proposte avanzate alla Fondazione c’e’ anchel’inserimento dei costi delle intercettazioni negli oneri acarico delle societa’ telefoniche, operazione chepermetterebbe il risparmio di milioni di euro, l’inasprimentodelle pene per chi detiene armi da fuoco in modo illegale perlimitare il numero di rapine e regolamenti cruenti tra bande,la formazione di un elenco sempre aggiornato dei beniconfiscati e il rafforzamento dell’Agenzia Nazionale conl’utilizzo dei beni gia’ dopo il sequestro se ci si trovadavanti all’art.416 bis, oltre alla formazione di un elenconazionale delle interdittive antimafia.

com-brm/sam/rob

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su