Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Piemonte: rimborsi facili, Pedrale si difende. ”Seguite le norme”

colonna Sinistra
Mercoledì 20 novembre 2013 - 18:44

Piemonte: rimborsi facili, Pedrale si difende. ”Seguite le norme”

(ASCA) – Torino, 20 nov – La notifica di chiusura indaginiper i rimborsi facili ha colpito in forze il gruppo dell’expdl alla Regione Piemonte dove ancora non e’ stataformalizzata la scissione tra Forza Italia e NuovoCentrodestra. Dell’ex ceppo azzurro, che per ora in regionevede i gruppi di Fratelli d’Italia, Pdl e Progett’Azione,sono stati risparmiati dalla chiusura indagini soltantoGiampiero Leo (Nuovo Centrodestra), il vicepresidente delConsiglio Fabrizio Comba (Progett’azione) e Gianluca Vignaleper Fratelli d’Italia. ”Avevamo previsto che ci sarebbero stati una quarantinadi indagati – spiega il capogruppo regionale Pdl Luca Pedrale(Forza Italia) coinvolto nell’inchiesta -, adesso avremo unaventina di giorni per le nostre controdeduzioni. Per esserepiu’ precisi, sia sulle singole spese sia sulla normativa chee’ del 72 ed e’ stata applicata dai nostri predecessori per50 anni. Noi non abbiamo fatto altro che proseguire in quelloche ci sembrava un comportamento legittimo”. Anche per quanto riguarda la Lega, otto consiglieri, nonci dovrebbero essere eccezioni dopo che i consiglieri delCarroccio hanno scelto la via di non rispondere aimagistrati. ”Non ho ricevuto nulla – commenta il capogruppodella Lega Mario Carossa – ma non dubito che mi arrivera’ lanotifica”. Le indagini dovrebbero invece aver risparmiatocompletamente il gruppo del Pd, che inizialmente aveva ottoindagati su 12 consiglieri. Anche la ex presidente dellaRegione Mercedes Bresso ha ricevuto la notifica.

eg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su