Header Top
Logo
Mercoledì 29 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ilva: Vendola, mi vergogno ma non ho mai scherzato su cancro

colonna Sinistra
Sabato 16 novembre 2013 - 12:04

Ilva: Vendola, mi vergogno ma non ho mai scherzato su cancro

(ASCA) – Roma, 16 nov – ”In quella sequenza GirolamoArchina’ introduce un involontario effetto comico: quello’scatto felino’ e’ l’unico vero oggetto della mia ilarita’,non l’atto di chiusura nei confronti di un giornalista. Suquesto atto vorrei esprimere le mie scuse al giornalista: nonho mai avuto compiacenza verso azioni di questo genere. Midispiace che passi l’idea che io voglia disconoscere illavoro del cronista: quel riferimento e’ stato da parte miaun atto di superficialita”’. Lo ha affermato il presidentedella Regione Puglia, Nichi Vendola, a seguito dellepolemiche sulla sua telefonata con Girolamo Archina’, exresponsabile delle relazioni istituzionali dell’Ilva. Inun’intervista a ‘l’Unita”, Vendola ha spiegato che ”senzal’immagine del contesto non si capisce nulla di quellatelefonata. Bisogna conoscere gli interlocutori di Ilva,molti sono bestie nere, specialisti del muro di gomma. MentreArchina’ si presentava come un interlocutorie disponibile afare pressioni sulla proprieta’ per aprire alle questioni chenoi ponevamo. E’ stata una battuta che mi serviva periniziare la telefonata con il responsabile istituzionaledell’Ilva, in un passaggio particolarmente delicato dellavicenda”.

Concetto ribadito anche in un’intervista a ‘Repubblica’ incui Vendola ha aggiunto che non permettera’ ”a nessuno disollevare dubbi sulla mia onesta’ intellettuale e dimanipolare la realta’ in maniera cosi’ strumentale evolgare.

Io – ha ribadito – ho semplicemente commentato con Archina’,sorridendo, il suo ‘guizzo felino’ in occasione diun’intervista a Emilio Riva e chiunque ascolti quellatelefonata si rende conto che io non rido dei tumori”. Adogni modo ”provo un po’ di vergogna per avere riso inqualche modo di un giornalista che stava facendo il suolavoro”.

Per il leader di Sel, intervistato anche dal ‘Manifesto,”siamo davanti ad un atto delinquenziale, un operazionecostituita da una centrale di diffamazione e calunnie che hale sue radici a Taranto e non solo. Agiro’ in ogni sedelegale. Mi difendero”’.

red-brm/fdv

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su