Header Top
Logo
Lunedì 26 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: Colaninno (Pd), da Ue valutazioni sbagliate

colonna Sinistra
Venerdì 15 novembre 2013 - 18:14

Legge stabilita’: Colaninno (Pd), da Ue valutazioni sbagliate

(ASCA) – Roma, 15 nov – ”I rilievi mossi oggi dallaCommissione europea non esprimono alcuna sostanzialebocciatura alla legge di stabilita’. La Commissione nonvaluta come siano stati contemplati significativiprovvedimenti gia’ attuati (ad esempio il pagamento di 50miliardi di debiti pregressi della pubblica amministrazioneverso le imprese) o in via di attuazione: il piano diprivatizzazioni e la spending review ridurranno da subito lostock di debito e quindi non sara’ assolutamente necessariauna nuova manovra”. Lo afferma Matteo Colaninno dellasegreteria del Pd, responsabile Economia.

”Il Governo Letta ha scelto di preservare l’equilibriodei conti pubblici senza soffocare la ripresa che,finalmente, e’ alla nostra portata. Anche per questo lamancata concessione del ‘bonus’ da 3 miliardi di euro diinvestimenti nel 2014, maturato dopo l’uscita dell’Italiadalla procedura per deficit eccessivo pochi mesi fa, e’ unascelta sbagliata e controproducente per l’Italia e per lacrescita”, aggiunge Colaninno.

”Ecco perche’ il Partito Democratico e’ fortementeimpegnato ad irrobustire la manovra economica, cosi’ comegiustamente chiedono le parti sociali, per portare il Paeseoltre l’austerita’ e intercettare la crescita, rimarcando intal modo il carattere di svolta che qualifica la legge distabilita’ 2014. Non vi e’ dubbio che l’Italia sia dinanzi asfide molto impegnative, che soltanto la stabilita’ politicae la continuita’ d’azione del Governo Letta possono garantiredi vincere”, conclude Colaninno. com-ceg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su