Header Top
Logo
Sabato 18 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: M5S, da governo ennesimo favore alle banche

colonna Sinistra
Giovedì 14 novembre 2013 - 14:34

Legge stabilita’: M5S, da governo ennesimo favore alle banche

(ASCA) – Roma, 14 nov – ”Il governo Letta fa l’ennesimofavore alla banche. Per i cittadini l’amara sorpresa di 20miliardi di tasse in piu’ da pagare in 7 anni. Il ‘regalo’ e’nella legge di stabilita’ all’articolo 6 comma 19-22. Fino ad oggi le svalutazioni e le perdite sui crediticoncessi (sia ai cittadini che alle imprese) venivanoammortizzate da parte delle banche in un periodo di 18 anni.

In questo modo il costo veniva spalmato da parte degliistituti di credito in un lungo periodo. Con la Legge distabilita’, questo lungo periodo si riduce a soli 5 anni. Checosa significa per cittadini e imprese ? Le banche avrannoun vantaggio fiscale di circa 20 miliardi fino al 2019.

Questo si tradurra’ in 20 miliardi di euro di minori entratenelle casse dello Stato”. Lo scrive in una nota BarbaraLezzi, senatrice del Movimento 5 Stelle e vice presidentedella Commissione Bilancio.

”Come verranno reperiti questi 20 miliardi che mancanoallo Stato?” si chieede la senatrice, secondo cui ”a pagaresaranno sempre i soliti: cittadini e imprese, oppure inalternativa aumentera’ il debito pubblico. Insomma un caneche si morde la coda, con l’ennesimo favore alle banche epiu’ tasse per i cittadini”.

”Il Movimento 5 Stelle – ha incalzato – non ci sta. Hapresentato un emendamento soppressivo dell’articolo 6 comma19-22. Inoltre in Commissione Bilancio abbiamo chiestospiegazioni al vice ministro Fassina (Pd) ed al presidentedella Commissione Azzolini (Pdl). Tanti gli interrogativi acui sia Fassina che il presidente della Commissione Azzolininon hanno saputo dare risposta. Abbiamo chiesto perche’questa revisione della disciplina comporterebbe per lo Statouna maggiore entrata per 2,6 miliardi di euro nel primo anno,per poi confermare nero su bianco le perdite dal secondo annoin poi. Il Movimento 5 Stelle – ha concluso – ha dimostratocon numeri alla mano, utilizzando come fonte il rapportodella Banca d’Italia del 12 novembre 2013, che la perdita perlo Stato sara’ gia’ dal primo anno, a partire quindi dal2013.

com-brm/sam/

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su