Header Top
Logo
Lunedì 20 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge Stabilita’: B. Buitoni, salvaguardare proprieta’ pubblica spiagge

colonna Sinistra
Mercoledì 13 novembre 2013 - 11:27

Legge Stabilita’: B. Buitoni, salvaguardare proprieta’ pubblica spiagge

(ASCA) – Roma, 13 nov – ”La direzione da percorrere e’quella di trovare un diverso equilibrio – rispetto allaproposta D’Ali’ – tra pubblico e privato che privilegi ilprimo pur salvaguardando gli interessi del secondo”. Cosi’il sottosegretario al Ministero dei Beni Culturali IlariaBorletti Buitoni commenta l’emendamento sulle spiagge cheieri e’ stato presentato da D’Ali’ (pdl) e che prevede, insintesi, la vendita delle spiagge italiane ai privati che,spiega il sottosegretario, ”si baserebbe su un passaggio diparti delle aree demaniali, quelle su cui insistono glistabilimenti a carattere fisso dal patrimonio indisponibile aquello disponibile, in modo da poter attuare una’sdemanializzazione’ di quella porzione degli arenili e lasuccessiva vendita a privati”.

Eppure, specifica la Borletti Buitoni, ”il passaggio daldemanio indisponibile dello Stato a quello disponibile e’ unprocedimento molto complesso, esposto a ricorsi anche dilivello costituzionale dall’esito incerto e si rischia diattuare una sorta di sanatoria generalizzata di tutto quelloche, per diversi motivi, attualmente regolare non e”’.

”Un provvedimento del genere – conclude ilsottosegretario del Mibact – andrebbe in direzioneesattamente contraria a quella in cui la legislazione, sia alivello statale che regionale, si sta muovendo: lapianificazione paesaggistica sta faticosamente cercando diavviarsi, tendendo ormai da molto tempo a diminuire lapressione del costruito sulle spiagge e favorendo anche, avolte, la riconversione delle strutture ‘fisse’, in cemento,con quelle amovibili leggere, solitamente in legno”. red/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su