Header Top
Logo
Martedì 21 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Ricerca: Lorenzin, basta considerarla costo. E’ valore anche economico

colonna Sinistra
Lunedì 11 novembre 2013 - 18:31

Ricerca: Lorenzin, basta considerarla costo. E’ valore anche economico

(ASCA) – Roma, 11 nov – ”La ricerca non puo’ continuare adessere considerata un costo per il sistema economiconazionale. La ricerca e’ un valore, anche economico.

Investire in ricerca , significa puntare su intelligenza econoscenza, coniugare la nostra tradizione culturale escientifica con la produzione di un modello industriale. E’un modo ”etico ”di investire e fare crescere il Paese”.

Cosi’, il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin,intervenuta alle celebrazioni al quirinale in occasione dellaGiornata Nazionale per la Ricerca sul cancro. ”La ricerca – ha ricordato – e’ motore di crescita, gia’oggi produciamo l’11% dei principi attivi a livello mondiale,ne esportiamo l’85% verso Stati Uniti, Europa, Giappone.

Siamo gia’ un’eccellenza. Dobbiamo spingere questo agente disviluppo”. ”Il Ministero della salute – ha aggiunto – stainvestendo 136 milioni di euro nel bando della ricercafinalizzata, mentre altri 60 milioni di euro sono destinatiai giovani ricercatori al di sotto dei quarant’anni. Ilfinanziamento della ricerca oncologica attraverso la ricercacorrente e’ valsa, dal 2008 al 2012, circa 50 ml di euroanno; nello stesso quadriennio altri 8 milioni di eurol’anno sono stati destinati ai soli IRCCS oncologici mentre16 milioni sono andati a tutti gli altri partecipanti(Regioni, aziende ospedaliere) ai quali il conto capitale hadestinato nell’ultimo biennio altri 6 milioni di euro anno.

L’investimento complessivo e’ intorno ai 55 milioni per annoper i soli IRCCS oncologici. Non sono certo le cifre che simobilitano in paesi come gli Stati Uniti, per questodobbiamo pensare a modi nuovi di attrarre investimenti nellaricerca che deve diventare una nostra priorita’ : ci aiutainfatti ad aumentare il benessere dell’Italia sia dal puntodi vista della salute, sia da quello delle economie ad essacollegate”.

”I dati, le cifre, le scoperte, ci dicono che la lottacontro questa malattia, in parte gia’ sconfitta, puo’ segnarequotidianamente punti a favore di chi la combatte. Ogni annoportiamo un risultato nuovo che ci da’ coraggio, forza, checi porta soprattutto speranza. Abbiamo il dovere – haconcluso – di salvaguardare e rinnovare il nostro SSN nellaprospettiva del paziente, ma soprattutto abbiamo il doveredi costruire un cammino per la nostra ricerca che ci facciaguardare avanti, verso nuovi traguardi”.

red/mpd

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su