Header Top
Logo
Venerdì 23 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Pdl: Cicchitto, tornati al 2 ottobre. Falchi vogliono crisi governo

colonna Sinistra
Sabato 9 novembre 2013 - 11:30

Pdl: Cicchitto, tornati al 2 ottobre. Falchi vogliono crisi governo

(ASCA) – Roma, 9 nov – ”Non si capisce la ragione per cuiquotidianamente alcuni, non tutti, dei cosiddetti falchinonche’ dei cosiddetti lealisti rovesciano contro chi non e’d’accordo con loro alcune tonnellate di insulti. Non c’e’materia per arrabbiarsi, ma piuttosto per fare i conti con larealta”’. Lo ha affermato in una nota Fabrizio Cicchitto,deputato del Pdl, secondo cui ”siamo in presenza di unchiaro dissenso politico perche’ siamo ritornati allasituazione del 2 ottobre quando all’interno del Pdl c’eranoesponenti autorevolissimi che volevano la crisi di governo:adesso la rivogliono. Inoltre – ha aggiunto – c’e’una visionedi cosa dovrebbe essere Forza Italia che non e’ per nientecondivisibile. Per parte nostra abbiamo sintetizzato in undocumento politico le nostre posizioni su questi dueargomenti e su altro, raccogliendo piu’ di 300 firme, mentrepiu’ di 30 senatori e di 20 deputati confermano la lorovolonta’ di ribadire la fiducia al governo per ragioni chevanno al di la’ di una questione di poltrone”. ”Vogliamo mantenere il sostegno al governo perche’riteniamo che una crisi provocata dal Pdl sarebbe un saltonel buio, non darebbe alcun vantaggio a Berlusconi e darebbeal centrodestra tutte le responsabilita’delle conseguenzeeconomiche e finanziarie di questo gesto, metterebbe in motomeccanismi politici e istituzionali vantaggiosi solo per ilPd. Sul partito – ha sottolineato Cicchitto – non c’e’ unproblema di sigle ma di sostanza: vogliamo che Forza Italia oPdl che sia combini insieme il ruolo carismatico diBerlusconi, con quello politico di Alfano,con la democraziainterna; vogliamo un partito moderato,garantista eriformista,non un partito in cui tutto il potere politicoe’concentrato in una sola persona e quello organizzativo inun nucleo estremista e autoritario”. Inoltre ”vogliamo che il Pdl permanga nel PPE e nonprovochi esso stesso con mosse dissennate le condizionipolitiche e statutarie per essere escluso. La presenza nelPPE deve essere funzionale anche ad aprire una grandebattaglia in Europa per modificare le politiche attualmenteprevalenti senza pero’ concessioni alle derive populiste eanti-europeiste”.

com-brm/mau/ss

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su