Header Top
Logo
Venerdì 24 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Province: Saitta chiede incontro a Napolitano. ‘Condivisione su riforme’

colonna Sinistra
Venerdì 8 novembre 2013 - 12:46

Province: Saitta chiede incontro a Napolitano. ‘Condivisione su riforme’

(ASCA) – Roma, 8 nov – Verificare la possibilita’ diriprendere un percorso di riordino istituzionale condiviso datutte le istituzioni costitutive della Repubblica. Questa lamotivazione della richiesta di incontro contenuta in unalettera che il Presidente dell’Upi, Antonio Saitta, hainviato al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano,massimo garante della Costituzione e dell’unita’ nazionale.

”Le Province – scrive Saitta – hanno sempre ribadito laloro volonta’ di dare un contributo positivo al riordinodelle istituzioni pubbliche, attraverso concrete proposte perl’istituzione delle Citta’ metropolitane, la riduzione delnumero delle Province, il riordino degli uffici perifericidello Stato e la soppressione degli enti intermedi, chepossono portare a consistenti risparmi di spesa e,soprattutto, ad una sensibile semplificazione della pubblicaamministrazione, nel rispetto dei principi costituzionali”.

Ma il percorso deve essere coerente con la Costituzionevigente e non puo’ procedere per strappi ”destinati aprodurre danni profondi e duraturi sulla nostra democrazialocale. ”Ci rivolgiamo a lei – scrive Saitta a Napolitano – chein questi mesi ha piu’ volte ribadito la necessita’ che leforze politiche trovino un’intesa sulle riforme essenzialiper consentire all’Italia di riordinare il suo sistemaistituzionale e renderlo piu’ funzionale, nel rispetto deiprincipi fondamentali della Costituzione, attraverso lariforma del sistema parlamentare, la revisione del titolo V,l’approvazione di una nuova legge elettorale. Richiami – haconcluso Saiita – che abbiamo sinceramente apprezzato,ritenendo che il riordino delle istituzioni provinciali debbaessere coerentemente collocato nel percorso di riforme che ilParlamento proprio in questi giorni sta definendo, attraversol’istituzione del comitato parlamentare per le riformecostituzionali ed elettorali”.

Nel testo, il Presidente dell’Upi ricorda la recentesentenza della Corte Costituzionale, che ha bocciato leultime riforme ai danni delle Province, che ”ha chiarito cheriforme istituzionali di tale portata non possono essereapprovate frettolosamente con la decretazione d’urgenza, mahanno bisogno di una riflessione approfondita che tenga contodelle garanzie che la Costituzione pone a tutela delleistituzioni costitutive della Repubblica. Occorre pertantoevitare che, sulla base di un’urgenza non giustificata, sianoapprovate norme di riforma dell’ordinamento delle Provinceche, oltre a introdurre elementi di ulteriore caos normativoin attesa di una piu’ complessiva riforma delle istituzioni,potrebbero essere in contrasto con le disposizionicostituzionali e con i principi della carta europea delleautonomie locali, soprattutto per quel che riguarda lefunzioni delle Province e la legittimazione democratica degliorgani di governo delle Province e delle Citta’metropolitane”.

res/rus

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su