Header Top
Logo
Domenica 25 Giugno 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: Brunetta a Letta, non basta per cuneo accordo Svizzera

colonna Sinistra
Giovedì 7 novembre 2013 - 13:28

Legge stabilita’: Brunetta a Letta, non basta per cuneo accordo Svizzera

(ASCA) – Roma, 7 nov – ”Se sono vere le parole che leagenzie di stampa attribuiscono al presidente del Consiglio,Enrico Letta, per cui ieri, all’assemblea dei parlamentariPd, con riferimento al cuneo fiscale, avrebbe detto:”Azzeriamo tutto e rimandiamo una riduzione piu’ sostanziosaa quando avremo altre risorse nel 2014, ad esempio attraversol’accordo con la Svizzera sul rientro dei capitali’,ricordiamo che, come certamente il premier Letta sa, persostituire entrate strutturali, come sono quelle cheprovengono dalle tasse e dai contributi sui salari, sononecessarie risorse altrettanto certe e permanenti”. Loafferma in una nota il capogruppo del Pdl alla Camera, RenatoBrunetta.

”L’accordo con la Svizzera – prosegue l’ex-ministro -quando mai sara’ perfezionato, comportera’ un’una tantum peril passato ed un piccolo rivolo annuale, dato dallatassazione sugli interessi derivanti dai capitali ‘emersi’.

Se i 5 miliardi attualmente previsti dalla Legge distabilita’, per i prossimi 3 anni, sono pochi; le possibilimaggiori entrate strutturali conseguenti all’accordo con laSvizzera appaiono assolutamente insufficienti”. Secondo Brunetta ”la provocazione ‘sociale’ delpresidente Letta e’ tecnicamente inaccettabile. Puo’ anchedestinare quelle poche risorse alla lotta contro la poverta’,come ha minacciato. Ma pochi spiccioli restano sempre unpugno di euro con cui si puo’ fare ben poco, di fronte aldilagare di una disoccupazione i cui costi pesano sui bilancifamigliari”. ”Noi del PdL-Forza Italia – conclude – abbiamo propostodi concentrare le scarse risorse disponibili della Legge distabilita’ sul salario di produttivita’, per contribuire amettere benzina nello stanco motore dell’economia italiana.

L’obiettivo e’ quello di creare piu’ ricchezza per poiridistribuirla al fine di una lotta effettiva (non soloretorica) alla poverta’. Una volta si diceva che ai ‘dannatidella terra’ non si dovevano distribuire pesci, ma canne perpescare. L’esperienza piu’ recente ha dimostrato lalungimiranza di quella posizione”. com-sgr/sam/bra

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su