Header Top
Logo
Mercoledì 22 Novembre 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Legge stabilita’: Boccia (Pd), web tax per fisco moderno e piu’ equo

colonna Sinistra
Lunedì 4 novembre 2013 - 18:02

Legge stabilita’: Boccia (Pd), web tax per fisco moderno e piu’ equo

(ASCA) – Roma, 4 nov – ”La manovra dovrebbe essere terrenodi confronto tra chi ha a cuore il Paese e invece siamo comeal solito ad un pezzo della politica che pensa solo allapropria sopravvivenza anziche’ dire come si rafforza unimpianto che per la prima volta non aumenta le imposte ediminuisce la pressione fiscale, poco ma la diminuisce”. Loafferma a Radio Radicale il presidente della commissioneBilancio della Camera Francesco Boccia (Pd). ”La manovra ha tre grandi pilastri – aggiunge Boccia -uno dei tre e’ il taglio del cuneo fiscale attraverso ladiminuzione della spesa pubblica. Se il Parlamento ha laforza di far passare modelli redistributivi ulteriori ognirisorsa aggiuntiva puo’ andare alla riduzione ulteriore delcuneo fiscale”.

Per questo propone la cosiddetta web tax? ”E’ stataribattezzata in mille modi, impropriamente anche Google Tax-risponde Boccia – Non e’ maggiore imposizione, sia chiaro, e’semplicemente il tentativo di creare una giustizia fiscale.

E’ inammissibile che chi raccoglie da aziende italianerisorse per fare pubblicita’ e promozione porti questerisorse all’estero senza pagare le tasse in Italia. La colpae’ del legislatore e noi abbiamo il dovere di porvi rimedio,altrimenti danneggeremmo le imprese italiane che pagano letasse e operano sul territorio nazionale. Questo capita sullaraccolta pubblicitaria, e’ il caso di Google ma anche ditantissime altre aziende, cosi’ come nel commercio on-lineche tocca tantissime altre aziende che operano in Italiarispetto ad altre che hanno sede magari in Lussemburgo epagano l’Iva al 15% invece che al 22%”. Le diranno che propone una nuova tassa. ”Quella chepropongo non e’ una nova imposizione – risponde Boccia – maun tentativo moderno di creare un meccanismo di giustiziafiscale sui servizi prodotti sulla rete da imprese nonitaliane ma che si occupano di Italia, perche’ se ci sirivolge ad una multinazionale per fare pubblicita’ sulterritorio italiano non mi si puo’ raccontare che il businesse’ internazionale, e’ italiano e le tasse vanno pagate inItalia”.

com-ceg

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su