Header Top
Logo
Domenica 26 Marzo 2017

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Politica
  • Caso Ligresti: Di Pietro, vuole rendere lecito cio’ che e’ illecito

colonna Sinistra
Lunedì 4 novembre 2013 - 12:27

Caso Ligresti: Di Pietro, vuole rendere lecito cio’ che e’ illecito

(ASCA) – Roma, 4 nov – ”L’unica politica che i membri diquesto governo hanno dimostrato di saper mettere in campo e’quella dell’attaccamento alla poltrona. L’ultimo, in ordinedi tempo, e’ il caso del ministro della Giustizia che dopoessere intervenuto per la scarcerazione di Giulia Ligresti,invece di dimettersi, continua a sostenere di non aver fattonulla e di non aver alcuna ragione per lasciare il suoposto”. Lo scrive in un post sul suo blog il Presidentedell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro. ”L’assurdita’ – spiega Di Pietro – e’ proprio questa:voler rendere leciti comportamenti che leciti non sono, conil solo obiettivo di rimanere arroccati con le unghie alproprio scranno. Questo atteggiamento, ovviamente, produceeffetti devastanti nell’opinione pubblica e getta discreditosulle istituzioni. Come puo’ un cittadino sentirsirappresentato da un Governo e da un Parlamento attenti soloalle esigenze degli amici degli amici o alle richieste delpotente di turno? Come si puo’ avere fiducia in una classedirigente che utilizza due pesi e due misure? Gli uniciinteressi che dovrebbe avere a cuore un esecutivo che sirispetti sono quelli della collettivita’ e del benecomune”.

”Insomma – prosegue Di Pietro – tutto il contrario diquello che sta facendo questo governicchio delle largheintese. Basti vedere quanto accade fuori dal Palazzo: ognigiorno c’e’ una categoria che sciopera per far valere ipropri diritti, ogni giorno c’e’ un corteo di protesta chesfila per le strade di Roma. E il governo, davanti a tuttocio’, continua ad infischiarsene dei problemi reali delPaese, facendo finta di non vedere e voltandosi dall’altraparte”. ”Lo avevamo detto in tempi non sospetti – Concludel’ex-pm – non si puo’ giocare con l’esasperazione dellagente, non si puo’ restare sordi al grido di disperazione dichi, ormai, non arriva neppure piu’ alla terza settimana delmese. Il punto di non ritorno e’ stato gia’ superato. Perquesto, c’e’ una sola strada che questo governo deve seguire:farsi da parte e ridare la parola ai cittadini”. com-sgr/cam/alf

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su